Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea

http://dati.beniculturali.it/mibact/luoghi/resource/CulturalInstituteOrSite/20772 an entity of type: CulturalInstituteOrSite

Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea 
41.91653 
12.48177 
Museo, galleria non a scopo di lucro e/o raccolta 
DBUnico.20772 
Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea 
The Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea, established in 1883 for the purpose of documenting the "living" art is nowadays a museum with two souls, just like two are the centuries it deals with: the 19th and the 20th.
Its important collections in fact, on the one hand mirror the cultural events of the unitary Italian State also with their international reflections, on the other hand they are the great historical reserve of the Italian contemporary art system. 

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, aperta a Roma nel 1883, custodisce una delle più ampie collezioni d’arte, circa 20.000 opere tra dipinti, disegni, sculture e installazioni che testimoniano le principali correnti artistiche dall’Ottocento ai nostri giorni.

Nell’ambito dell’autonomia speciale acquisita nel 2014 con la riforma del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, la Galleria diretta da Cristiana Collu ha subito avviato un ampio progetto di riorganizzazione e di riordino degli spazi. Le collezioni sono state al centro di una profonda rilettura che ha ripensato l’allestimento, prima in The Lasting. L’intervallo e la durata poi nella grande mostra Time is Out of Joint, rispettivamente prologo e corpo di un discorso su un tempo disarticolato, non lineare, stratificato. Un tempo sospeso che si sostituisce alla tradizionale lettura cronologica, consentendo alla Galleria di sperimentare pratiche espositive e chiavi di lettura nuove.

La Galleria Nazionale è l’unico museo dedicato all’arte moderna e contemporanea tra i venti coinvolti dalla Riforma del MIBACT che con l’autonomia li ha dotati di un modello gestionale e scientifico internazionalmente riconosciuto: dal 2016 ha infatti un Consiglio di Amministrazione, un Collegio dei Revisori di Conti e un Comitato scientifico con il compito di approvare le linee guida e i programmi espositivi del museo. I numerosi servizi in cui il museo è strutturato (archivio bioiconografico, fotografico e storico, biblioteca, ufficio catalogazione, ufficio registrazione e prestiti, ufficio mostre, ufficio studi, ufficio stampa e comunicazione, redazione web, laboratorio di restauro e servizi educativi) svolgono uno scrupoloso lavoro di catalogazione e conservazione che si affianca alla valorizzazione delle collezioni di un luogo così rappresentativo che oggi tiene conto della sua storia ma, nello stesso tempo, non rinuncia alla vocazione di raccontare la complessità del presente.

 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution 3.0 International (CC BY 3.0). For exceptions see here