Utensili da cucina (testello) - ambito fiorentino (Età medievale)

https://w3id.org/arco/resource/ArchaeologicalProperty/0900652168 an entity of type: ArchaeologicalProperty

testello Utensili da cucina
Utensili da cucina (testello) - ambito fiorentino (Età medievale) 
Utensili da cucina (testello) - ambito fiorentino (Età medievale) 
Testello in ceramica priva di rivestimento, Utensili da cucina (testello) 
Frammenti di testello provenienti dallo scavo della Tomba della Mula 
0900652168 
testello 
00652168 
09 
0900652168 
Il tumulo artificiale che racchiude la Tomba della Mula si innalza imponente dal livello naturale della pianura che si estende lungo l’alto corso dell’Arno, tra Firenze e Sesto Fiorentino, all’altezza dell’abitato di Quinto. Questo imponente monumento funerario è conosciuto da oltre cinque secoli e la sua scoperta risale, verosimilmente, agli anni tra il 1481 e il 1484 , come si deduce dalle due date incise sopra lo stipite destro della porta d’ingresso. Con ogni probabilità la scoperta della tomba coincise con l’edificazione, sulla sommità del tumulo, del primo nucleo dell’odierna Villa Pecchioli, detta appunto Villa della Mula, nome che pare essere collegato alla tradizione di un vecchio detto popolare della zona che recita: «Tra Quinto, Sesto e Colonnata giace una Mula d’oro sotterrata». In un periodo imprecisato, la tomba fu trasformata in cantina e, quest’ultimo riutilizzo, implicò notevoli modifiche strutturali: la più rilevante è senz’altro rappresentata dal riempimento dell’originario dromos di accesso alla tomba e dalla creazione di una scala che collegava la “cantina” con il piano terra della villa 
Utensili da cucina 
Testello in ceramica priva di rivestimento 
Il testo proviene dallo scavo della Tomba della Mula 
Frammenti di testello provenienti dallo scavo della Tomba della Mula 
Firenze (FI) 
proprietà Stato 
Utensili da cucina, Testello in ceramica priva di rivestimento 
argilla 
bibliografia di corredo: Paolucci, F., Romualdi A - 2010 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here