Catalogue Record n: 1800178021

https://w3id.org/arco/resource/CatalogueRecordOA/1800178021 an entity of type: CatalogueRecordOA

Catalogue Record n: 1800178021 
Scheda catalografica n: 1800178021 
ita 
1800178021 
2023-09-13 20:40:26.798793 
ICCD15938693 
Il documento di allogazione della Tavola è stato pubblicato da Maria Teresa Sorrenti nello studio La Madonna della Ginestra in la Pinacoteca e Gipsoteca Provinciale, a cura di Sergio Riasaliti, Electa, Milano 2008, p. 31. Note sul restauro Nel 1845 il messinese Carmelo La Farina denuncia lo stato di abbandono della tavola in una sala del Monastero degli Osservanti. In un rapporto del 5 giugno del 1929 il soprintendente Edoardo Gallo ricorda il restauro eseguito su 35 quadri di proprietà della Provincia per un importo di 22000 lire. L’attività di restauro iniziata il 7 febbraio 1927 include anche la tavola del Saliba che ha subito danni a causa della incuria in cui è rimasta nella chiesa dei Gesuiti, avanti di essere ricoverata nel museo provinciale; “abrasioni multiple erano presenti su tutto il campo della pittura, taluna delle quali prodotte con la punta delle baionette dei soldati (…) che venivano casermati nella chiesa” (Galli Eduardo, Relazione sul restauro dei dipinti nel museo provinciale, 5 giugno 1929, p. 1, dattiloscritto; cfr., Risaliti, Sergio, op. cit., Milano 2008, p. 22, p. 25 nota 9). Corrado Iannino ricorda quanto scrive Galli sulle condizioni dell’opera prima del restauro, devastata da abrasioni multiple su tutto il campo della pittura e come i “guasti” erano dovuti anche a ripetute verniciature, integrazioni con il gesso nelle zone lacunose, fumo di candele e polvere (Iannino Corrado, Storia del Museo provinciale di Catanzaro, Catanzaro 2001, pp. 33-34) 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here