Benedizione Tabernacolo del Leocorno (Benedizione dei Tabernacoli Mariani, FESTA-CERIMONIA)

https://w3id.org/arco/resource/DemoEthnoAnthropologicalHeritage/0901142814 an entity of type: DemoEthnoAnthropologicalHeritage

Benedizione dei Tabernacoli Mariani
Benedizione Tabernacolo del Leocorno (Benedizione dei Tabernacoli Mariani, FESTA-CERIMONIA) 
Benedizione Tabernacolo del Leocorno (Benedizione dei Tabernacoli Mariani, FESTA-CERIMONIA) 
Benedizione Tabernacolo del Leocorno (Benedizione dei Tabernacoli Mariani, FESTA-CERIMONIA) 
La decorazione affronta il tema specifico dei 5 sensi per trasmettere identità e appartenenza alla contrada e al territorio. I protagonisti restano i bambini che vi hanno posto anche lettere con pensieri legati alla contrada. Coordinati dagli adulti, nei bambini si incanala la tradizione contradaiola, divenendo il mezzo per la sua continuazione 
0901142814 
Benedizione dei Tabernacoli Mariani 
01142814 
09 
0901142814 
https://w3id.org/arco/ontology/context-description/DirectObservation 
Mercoledì 8 settembre 1954 ebbe luogo la prima celebrazione della festa della natività di Maria Santissima con la decorazione dei tabernacoli delle Contrade. Venne organizzata anche una fiaccolata nella piazza del Campo e la festa venne completata da un raduno di bambini. L’iniziativa partì dal settimanale “Il Campo di Siena”, che aveva indetto un concorso a premi al quale aderirono l’Azienda Autonoma di Turismo e l’Ente Provinciale di Turismo. Nel 1960 il giornale rivolse al Comitato Amici del Palio l’invito ad assumere gestione e patrocinio della festa 
La decorazione affronta il tema specifico dei 5 sensi per trasmettere identità e appartenenza alla contrada e al territorio. I protagonisti restano i bambini che vi hanno posto anche lettere con pensieri legati alla contrada. Coordinati dagli adulti, nei bambini si incanala la tradizione contradaiola, divenendo il mezzo per la sua continuazione 
 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here