Cupido (scultura, opera isolata) - ambito italiano (seconda metà sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100036232 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

scultura, opera isolata Cupido
Cupido (scultura, opera isolata) - ambito italiano (seconda metà sec. XIX) 
Cupido (scultura, opera isolata) - ambito italiano (seconda metà sec. XIX) 
scultura (opera isolata) 
Il puttino, composto da 16 frammenti, è rappresentato in piedi con la faretra nella mano destra che è abbandonata lungo il fianco. Il braccio sinistro è rivolto verso l'alto e lo sguardo è frontale. La gamba sinistra è leggermente spostata in avanti. La colonna è costituita da un fusto in marmo verde, da una base dorata in legno e da un capitello corinzio, pure in legno dorato 
1850-1899 
0100036232 
scultura 
00036232 
01 
0100036232 
Opera di ignoto plasticatore del XIX secolo, il piccolo cupido con faretra, può essere plausibilmente identificato nelle collezioni del castello a partire dal 1843, quando nella Sala d'accesso al Salone Arduino N. 25 è segnalata <>. Nel 1855 il "Catalogo di quadri ed oggetti d'arte..." compilato da Francesco Sampietro segnala al numero 22, nella Galleria del Teatro, una <>. Nello stesso anno, l'"Inventaro estimativo dei mobili, oggetti fissi, e semoventi..." registra in quell'ambiente al numero 369 <<1 Colonna di marmo verdastro antica alta metri 1.04 per centimetri 10 con capitello di legno ad intagli dorati a fogliami di centimetri 13 su base quadra di centimetri 12 per 18 di legno marmoreggiato verde e dorato, con base in marmo bianco e verde, rotonda di centimetri 27 alta centimetri 25. Su altra base di legno non verniciata nero alta c.tri 40 p. 30 con statuetta di marmo bianco rapp.te un Puttino di c.tri 38 diff.so in più p.ti>>. Le successive inventariazioni compilate nel 1908, 1927 e 1964 lo registrano nello stesso luogo, rispettivamente ai numeri 522, 2946 e 226, quando è descritto come <>. Il restauro condotto tra il 1991 e il 1992 ad opera di Minina Pignoni per conto della Soprintendenza per i Beni Artistici Storici e Demoetnoantropologici del Piemonte, ha portato alla ricomposizione della scultura già scomposta in più frammenti. A quell'epoca la scultura si trovava nella sala della musica, al primo piano nobile del castello 
Cupido 
92 D 1; 92 D 18 (FARETRA) 
Il puttino, composto da 16 frammenti, è rappresentato in piedi con la faretra nella mano destra che è abbandonata lungo il fianco. Il braccio sinistro è rivolto verso l'alto e lo sguardo è frontale. La gamba sinistra è leggermente spostata in avanti. La colonna è costituita da un fusto in marmo verde, da una base dorata in legno e da un capitello corinzio, pure in legno dorato 
Agliè (TO) 
proprietà Stato 
Cupido 
legno/ doratura 
marmo bianco/ scultura 
marmo verde delle Alpi/ scultura 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here