veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio (matrice, elemento d'insieme) by Prina Pietro Francesco, Bianchi Paolo (primo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100046564-4 an entity of type: CulturalPropertyComponent

matrice, elemento d'insieme veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio
veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio (matrice, elemento d'insieme) di Prina Pietro Francesco, Bianchi Paolo (primo quarto sec. XVIII) 
veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio (matrice, elemento d'insieme) by Prina Pietro Francesco, Bianchi Paolo (primo quarto sec. XVIII) 
matrice (elemento d'insieme) 
Soggetti sacri. Vedute. Interno: chiesa di San Gaudenzio. Figure maschili. Figure femminili. Elementi architettonici: navata; nicchie; colonne 
1711-1711 
0100046564-4 
matrice 
00046564 
01 
0100046564 
Fanno parte della serie incisa per l'occasione del trasporto di San Gaudenzio nello scurolo nel 1711. Il rame rappresenta l'interno della basilica di San Gaudenzio in occasione della traslazione del santo. Si intravedono apparati alle pareti e nella volta. Sul fondo l'altar maggiore ancora nella situazione precedente alla costruzione di quello definitivo. Inciso da Paolo Bianchi è un importante documento visivo di ciò che doveva essere l'interno della basilica nell'apparato della festa. E' da sottolineare al riguardo la semplicità dell'addobbo, determinato con tutta probabilità da problemi economici e che si riveleranno tali soprattutto nell'apparato della facciata. Sul Bianchi calcografo con negozio a Milano nella contrada dei Ratti si veda P. ARRIGONI, L'incisione e l'illustrazione del libro a Milano dal secolo XV al secolo XIX in "Storia di Milano, v. XV, Milano 1952, p. 694. La tematica della veduta interna della basilica si ripropone secondo i modelli consueti in occasione di feste sacre particolarmente messi in atto nel periodo barocco. Gli stessi modelli ai quali il Prina si ispira hanno come al solito matrici romane ma se ne vedono anche le repliche in ambito sabaudo. Per Roma può valere l'esempio di Andrea Sacchi con il dipinto raffigurante Festa del Gesù per l'apertura dell'anno secolare 1639, mentre per il Piemonte sono da vedersi gli esempi di Boetto (1634) o quello più tardo di Tasnière (1677-78) con l'interno del duomo di Torino apparato per i funerali di Carlo Emanuele II (per il Sacchi si veda A. D'AVONA, A. Sacchi, Roma, 1985, pp. 66-67; per le incisioni sabaude M. VIALE FERRERO, Diana trionfatrice, Arte di corte nel Piemonte del '600, catalogo della mostra, Torino 1989 pp. 82, 91 - 92). Cfr. M. L. TOMEA, Museo novarese. Documenti studi e progetti per una nuova immagine delle collezioni civiche, catalogo della mostra, Novara 1987, pp. 279-280 
veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio 
11 Q 71 3 
Soggetti sacri. Vedute. Interno: chiesa di San Gaudenzio. Figure maschili. Figure femminili. Elementi architettonici: navata; nicchie; colonne 
Novara (NO) 
proprietà Ente religioso cattolico 
veduta dell'interno della basilica di San Gaudenzio 
rame/ bulino 
Bibliografia specifica: Arrigoni P - 1952 
Bibliografia specifica: Tomea M. L - 1987 
bibliografia di confronto: Viale Ferrero M - 1989 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here