Il pastore e il suo cane, scena campestre con figure (stampa) by Du Jardin Karel (terzo quarto sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100168362 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

stampa, stampa di invenzione scena campestre con figure
Il pastore e il suo cane, scena campestre con figure (stampa) di Du Jardin Karel (terzo quarto sec. XVII) 
Il pastore e il suo cane, scena campestre con figure (stampa) by Du Jardin Karel (terzo quarto sec. XVII) 
Il pastore e il suo cane, scena campestre con figure (stampa) 
Figure: pastore. Animali: cane. Paesaggi 
post 1650-ante 1660 
0100168362 
stampa stampa di invenzione 
00168362 
01 
0100168362 
Pittore, acquafortista, disegnatore, Karel Du Jardin (Amsterdam (?) 1622 ca. - Venezia 1678) realizzò numerosi dipinti, di solito di dimensioni ridotte, con paesaggi e animali seguendo la tradizione iniziata da N. Berchem e P. Potter. Fu influenzato dai Bamboccianti nella rappresentazione di piccole figure vivaci.La sua attività come acquafortista risale agli anni Cinquanta del XVII secolo: nel 1653 pubblicò una serie di stampe di animali in riposo, pastori e scene campestri. Nonostante gli scenari italianeggianti, le sue incisioni sembrano essere state realizzate in Olanda e sono vicine nella concezione alle serie innovative di Peter van Laer del 1636. Sono note una cinquantina di acqueforti da lui realizzate (voce Du Jardin Karel di J. M. Kilian in The Dictionary of Art, Londra 1996, vol. 9, pp. 379-381). Bartsch ne cita cinquantadue. In Galleria Sabauda ne sono conservate quarantaquattro, di cui tutte, tranne una, facenti in precedenza parte della collezione di Giovanni Volpato, acquistata nel 1875. Giovanni Vico e Francesco Gamba, allora direttore della Pinacoteca, si recarono a Roma presso il figlio di Volpato e scelsero insieme centocinquanta incisioni di scuola fiamminga "a lire 4 cadauna", che furono spedite a Torino nel settembre 1875 (P. Astrua, Giovanni Vico e la collezione di stampe nella Galleria Sabauda di Torino, in Giovanni Vico e le collezioni torinesi di stampe e di libri figurati, Torino 1982, pp, 5-16, in part. p. 9). Adam Bartsch indica le quattro prove di stampa: le prime non sono numerate, e non compaiono i nomi di G. Falk e P. Schenck; le seconde hanno numeri e nomi; le terze non hanno i nomi; nelle quarte alcuni numeri sono più piccoli. Le stampe conservate in Galleria Sabauda sembrano quindi appartenere al terzo stato.Anche Bartsch non riporta per questa incisione alcuna indicazione di responsabilità.L'opera faceva parte, nell'ordinamento dato alla raccolta delle incisioni della Galleria Sabauda da Francesco Gamba nel 1883-1885, dell'Album 27 (Stampe di scuola olandese G). In occasione del restauro realizzato negli anni 1982-1983 la stampa è stata asportata dall'album 
scena campestre con figure 
Il pastore e il suo cane 
47 I 2 13 : 34 B 11 : 25 H 
Le berger et son chien 
Figure: pastore. Animali: cane. Paesaggi 
Torino (TO) 
proprietà Stato 
scena campestre con figure, Il pastore e il suo cane 
45 
carta/ acquaforte 
bibliografia specifica: Bartsch A - 1803 
bibliografia di confronto: Kilian J. K - 1996 
bibliografia specifica: Illustrated Bartsch - 1978 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here