Enea appare a Didone (arazzo, opera isolata) by De Mura Francesco, Molinari Giovanni Domenico, Rossi Mariano, Bruno Antonio - manifattura torinese (ultimo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100171910 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

arazzo, opera isolata Enea appare a Didone
Enea appare a Didone (arazzo, opera isolata) by De Mura Francesco, Molinari Giovanni Domenico, Rossi Mariano, Bruno Antonio - manifattura torinese (ultimo quarto sec. XVIII) 
Enea appare a Didone (arazzo, opera isolata) di De Mura Francesco, Molinari Giovanni Domenico, Rossi Mariano, Bruno Antonio - manifattura torinese (ultimo quarto sec. XVIII) 
ca 1785-ca 1785 
Riduzione ordito 7-8 cm.; riduzione trame 12-13 cm. Bordura: finta cornice lignea liscia su tre lati: in alto una boiserie a volute e festoni con al centro un ovale contenente un busto femminile mutilo, all'antica. A sinistra è raffigurata Didone seduta in trono con dietro una tenda drappeggita di colore arancione; a destra sta Enea in piedi con dietro uno sfondo con colonnato e statua antica; intorno e in basso si affollano cortigiani, soldati, cani. Colori: beige, rosso, arancione, blu. Fodera staccata dal Filippi (forse nel 1984); è costituita da tele diverse e reca tracce di cucitura a losanghe 
arazzo (opera isolata) 
D.C. 342 
D.C. 3256 
00171910 
01 
0100171910 
Nel 1768 vengono pagate a Napoli al pittore Francesco De Mura L. 5880 per "otto quadri per servire di modello per tappezzerie da farsi per li reali appartamenti" Dini (AST Mastri Categorici, 1768, t. 2, v. 42, p. 280; Schede Vesme, 1966, vol. II, p. 412). Gli otto bozzetti, di cui restano in Palazzo Reale solo più sei, sono quelli relativi alle Storie di Enea: viene quindi scartata l'attribuzione degli stessi al Crosato avanzata dal Telluccini. La critica riferisce alle storie di Enea il pagamento generico nel 1770 di L. 1800 al pittore Mariano Rossi per un quadro di modello per gli arazzi destinati all'anticamera dei Paggi nell'appartamento della Regina. (BRT, Registri Recapiti, 1770, t. 4; p. 1679; AST Mastri Categorici, 1770, t. 2, v. 48, p. 285, 288). L'ingrandimento dei bozzetti della serie di Enea si deve a Giovanni Domenico Molinari e a Mariano Rossi: nel 1771 il Molinari lavora a due quadri, uno piccolo e uno grande, nel 1772 copia in grande "Didone che riceve nella sua Reggia Enea, Acate e i suoi compagni (piedi 5 di larghezza per otto di altezza) e ingrandisce un altro soggetto della serie (altezza piedi 8, 10, larghezza piedi 2, 9), nel 1778 dipinge il gran quadro con "Enea e Didone che si portano ad assistere ai vari sacrifici in Cartagine" (altezza piedi 9 larghezza piedi 10, 6), nel 1781 esegue il modello per il convito di Didone e di Enea (altezza piedi 8, 6 larghezza piedi 6, 6) e per "Enea con Venere in figura di Cacciatrice ed altre persone che stanno fabbricando la città di Cartagine". Infine nel 1785 il Molinari vende a Lorenzo Pecheux, direttore dell'arazzeria, un quadro rappresentante "Didone in trono e diverse altre figure (altezza piedi 5 larghezza piedi 10). [AST, sez. riun, Mastri Categorici, 1771, t. 2, v. 51, p. 283: L. 100; 1772 t. 2, v. 54, pp. 282, 285; 1780, t. 2, v. 77, p. 230; 1785, t. 2, v. 82; BRT, Registri Recapiti, 1772, t. 9, p. 303: L. 700; t. 11, p. 1300: L. 600; 1778. t. 1, p. 30: L. 1200; 1781, t. 2, p. 822: L. 750; p. 574: L.; 1785, t. 1, v. 48; p. 202: L.]. Al pittore Carlo Bianchi spettò, come per le altre serie, la pittura degli ornamenti e dei fregi dei modelli per gli arazzi per le storie di Enea: nel 1771 è pagato L. 157. 10 per gli ornati di due quadri, nel 1772 L. 82. 5 per il fregio di un altro quadro e infine nel 1773 L. 287. 10, per "l'ornamento d'architettura attorno tre gran quadri serventi di modello" (BRT, Registri Recapiti, 1771, t. 5, p. 436; 1772, t. 9, p. 361; 1773, t. 16, p. 1773; AST, sez. riun, Mastri Categorici, 1772, t. 2, v. 54 p. 282). Per quanto riguarda la tessitura, sappiamo che nel 1771 si stava lavorando alla serie delle Storie di Enea, insieme alle storie di Annibale e di Alessandro. Nel 1772 è approntata l'orditura del secondo pezzo delle storie di Enea; nello stesso anno ed in quello successivo sono fornite lane di qualità e colori diversi per le tre serie sopra menzionate. Le fornitura di seta e cordonetto bianco si susseguono negli anni dal 1776 al 1780 e poi nel 1783, per una "gran pezzo" della serie, e nel 1784. Nel 1788 infine quattro pezzi della storia di Enea risultano trasportati dalla Manifattura al Guardiamobili, probabilmente e tessitura ultimata. (BRT, Registri Recapiti, 1771, t. 5, p. 202; 1772, t. 9, p. 157; 1772, t. 11, p. 1242; 1773, t. 14, p. 924; 1776, t. 1, p. 445; 1777, 1778, 1779, 1780 passim; 1783, t. 2, v. 43, p. 767; 1784, t. 1, v. 45, p. 415; 1788, t. 3, v. 59, p. 854-855), (cfr. M. Viale Ferrero, Arazzi, in "Arazzi e tappeti antichi", Torino 1952, pp. 128-129; A. Griseri, Francesco de Mura fra le corti di Napoli, Madrid e Torino, in "Paragone Arte, 1962, n. 155, p. 43; M. Viale Ferrero, Arazzi italiani, Milano 1962, pp. 68-69; M. Viale Ferrero, Arazzi, in "Mostra del Barocco Piemontese, Torino 1963, pp. 6-28; BAUDI DI VESME, L'arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo, Torino 1966, voce De Mura, vol. II, p. 412, voce Molinari, vol. II p. 707; Mallè L., Arazzi e bozzetti per arazzi, in "Catalogo Museo Civico, Torino 1972, pp. 508-509; G. Fiocco, G. B. Crosato pittore di Casa Savoia, Venezia 1941, pp. 33-35) 
96 B 24 
Enea appare a Didone 
Riduzione ordito 7-8 cm.; riduzione trame 12-13 cm. Bordura: finta cornice lignea liscia su tre lati: in alto una boiserie a volute e festoni con al centro un ovale contenente un busto femminile mutilo, all'antica. A sinistra è raffigurata Didone seduta in trono con dietro una tenda drappeggita di colore arancione; a destra sta Enea in piedi con dietro uno sfondo con colonnato e statua antica; intorno e in basso si affollano cortigiani, soldati, cani. Colori: beige, rosso, arancione, blu. Fodera staccata dal Filippi (forse nel 1984); è costituita da tele diverse e reca tracce di cucitura a losanghe 
Enea appare a Didone 
Torino (TO) 
0100171910 
arazzo 
proprietà Stato 
fibra vegetale 
lana/ arazzo 
filo di seta 
bibliografia specifica: Fiocco G - 1941 
bibliografia specifica: AA.VV - 1963 
bibliografia specifica: [Baudi di Vesme, Antonio] - 1963-1968 
bibliografia specifica: AA.VV - 1962 
bibliografia specifica: Viale Ferrero, Mercedes - 1952 
bibliografia specifica: AA.VV - 2014 
bibliografia specifica: Mallè, L - 1072 
bibliografia specifica: VIALE FERRERO M - 1962 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here