paesaggio con rovine (piatto, elemento d'insieme) by Grue Carlo Antonio (inizio sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100201115 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

piatto, elemento d'insieme paesaggio con rovine
paesaggio con rovine (piatto, elemento d'insieme) by Grue Carlo Antonio (inizio sec. XVIII) 
paesaggio con rovine (piatto, elemento d'insieme) di Grue Carlo Antonio (inizio sec. XVIII) 
1700-1710 
Piatto circolare con tesa decorata da due cartelle con mascheroncini, quattro puttini e fiori 
piatto (elemento d'insieme) 
da 474 a 485 
00201115 
01 
0100201115 
Il piattello, raffigurante un paesaggio con rovine e diverse figurine, appartiene ad una serie composta da dodici elementi, uno dei quali risulta sostituito. Sono maioliche dipinte, toccate in oro a terzo fuoco, ciascuna delle quali è decorata con soggetti diversi (temi biblici, mitologici, paesaggi, architetture), le cui tese mostrano mascheroncini, castelli, puttini, fiori e ghirlande, a fondi gialli o azzurri. Nel 1858 Rovere (p. 145) così descriveva la decorazione del Gabinetto: "Le pareti pienamente intagliate e dorate, sono divise in campi da quattro lezzene scannellate, il cui fusto è coperto da eleganti lavori in madreperla..., nel fusto poi di caduna lezzena sono incastrati tre piattellini di maiolica finissima, con molto buon gusto e valentia dipinti a figure. Questi piattellini uscirono dalla manifattura di Savona, che fioriva al finire del secolo XVII, e le pitture son fatte dal savonese Bartolomeo Guidobono...". Questo errore di attribuzione fu a lungo ripetuto, tanto che ancora nel 1953 A. Pedrini, pubblicando alcune di queste maioliche nel suo libro dedicato agli ambienti e alle loro decorazioni nel XVII e XVIII sec. in Piemonte, ne conservava l'antico riferimento all'artista savonese. Fu V. Viale a riconoscerle come opere di Carlo Antonio Grue (1655-1723), celebre ceramista di Castelli d'Abruzzo, e a consigliarne l'esposizione alla Mostra dell'antica maiolica abruzzese, tenutasi nel 1955 a Napoli e a Teramo, nel cui catalogo alcuni piattelli furono illustrati da Gian Carlo Polidori. L'idea di inserire ad incastro nelle pareti le maioliche dipinte, secondo M. Bernardi, fu molto probabilmente suggerita da Filippo Juvarra, il quale "...infatti quando nel 1732 consigliò al ministro d'Ormea l'acquisto delle lacche per il Gabinetto Cinese, scrisse che queste potevano essere combinate, come decorazione, con le porcellane conservate nelle Guardarobe di S. M., tra le quali erano anche quelle del Grue..." (Bernardi M., Torino1959, p. 76). Nel 1974 Mallè nella sua pubblicazione riguardante la maiolica italiana dalle origini al XVIII secolo, dedicava un breve accenno anche ai piattelli di Palazzo Reale proponendo per essi una datazione all'inizio del XVIII secolo sulla base di confronti stilistici con la restante produzione dell'artigiano abruzzese. ; E' molto probabile che per questo soggetto, così come per gli altri temi iconografici che decorano questa serie di maioliche, Carlo Antonio Grue si sia ispirato a "...modelli grafici prodotti in serie e subito diffusi commercialmente dagli incisori e dai mercanti di stampe...", pratica abituale non solo nella sua bottega ma in generale tra gli "artisti della ceramica", come hanno dimostrato le ricerche condotte in occasione della mostra del 1992 sulle maioliche conservate nella raccolte del Castello Sforzesco di Milano (vedi Romano G., Uso, diffusione e commercio dei modelli grafici, in Biscontini Ugolini G.-Petruzzellis Scherer J. (a cura di), Maiolica e incisione. Tre secoli di rapporti iconografici, Milano 1992, p. 15). Nel caso specifico è possibile pensare che il Grue abbia guardato incisioni come quella raffigurante un "Paesaggio con alberi incrociati" dei fratelli Perelle ora nella raccolta Bertarelli di Milano (Art. P. 18-46), di cui riproduce con estrema puntualità non solo gli alberi incrociati sulla sinistra ma soprattutto le architetture sullo sfondo e la colonna a destra; a questa stessa incisione rimanda, in epoca più tarda e con minore precisione nella riproduzione dei particolari indicati, anche una piastrella rettangolare, databile alla seconda metà del XVIII sec., di ambito abruzzese, conservata nelle raccolte del Castello Sforzesco della stessa città (Inv. M 1700) [op. cit., Milano 1992, pp. 160-161]. Carlo Antonio Grue, nato a Castelli (Teramo) nel 1655 e morto nel 1723, per l'originalità del suo stile, è considerato uno dei più interessanti e originali pittori su maiolica italiani. Peculiare della sua maniera e della sua scuola è la tavolozza in cui predominano i gialli, il verde oliva chiaro, l'azzurro pallido, l'arancione e il manganese. Il Museo di S. Martino a Napoli custodisce il maggior numero di opere di questo artista, undici, di cui tre firmate (Minghetti A., Le terre dipinte. Catalogo dei ceramisti dal Medioevo al Novecento, Firenze 1996, p. 242) 
paesaggio con rovine 
Piatto circolare con tesa decorata da due cartelle con mascheroncini, quattro puttini e fiori 
paesaggio con rovine 
Torino (TO) 
0100201115 
piatto 
proprietà Stato 
maiolica/ pittura 
bibliografia di confronto: Bernardi M - 1959 
bibliografia di confronto: Pedrini A - 1953 
bibliografia di confronto: Viale V - 1963 
bibliografia specifica: Rovere C - 1858 
bibliografia specifica: De Benedetti M - 1913 
bibliografia specifica: Mallè L - 1974 
bibliografia di confronto: Biscontini Ugolini G./ Petruzzellis Scherer J - 1992 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here