paesaggio con animali (dipinto, opera isolata) - ambito piemontese (?) (metà sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100204097 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata paesaggio con animali
paesaggio con animali (dipinto, opera isolata) - ambito piemontese (?) (metà sec. XVIII) 
paesaggio con animali (dipinto, opera isolata) - ambito piemontese (?) (metà sec. XVIII) 
dipinto (opera isolata) 
Il dipinto presenta una cornice in legno intagliato e dorato priva di elementi decorativi. Rappresenta due mucche, una in atto di sollevare il muso dallo stagno in cui si stava abbeverando, una capra, una pecora e due anatre in un paesaggio con alberi. In lontananza si scorgono edifici e colline 
ca 1740-ca 1760 
0100204097 
dipinto 
00204097 
01 
0100204097 
Il dipinto presenta analogie stilistiche e tematiche con altri di formato ovale presenti nel castello, raggruppabili in due serie di dimensioni diverse, dei quali non è nota la committenza. Non sappiamo infatti se originariamente facessero parte delle collezioni della casa regnante, della famiglia San Martino d'Agliè o se siano stati acquistati e portati in questa sede in epoca relativamente recente. La loro collocazione storica in molti casi è ignota: di alcuni sappiamo soltanto che nel 1890 si trovavano nella "Villa ducale di Stresa", acquistata dalla duchessa Maria Elisabetta di Sassonia nel 1878 e ceduta nel 1913. Non si esclude che possano fare parte di un gruppo di 54 tele acquistate nel Canavese, a San Giorgio nel 1843 "dall'Intendente Boggio". In effetti l'inventario del 1842 "Parte seconda contenente la descrizione di tutti i mobili fissi ed infissi di proprietà di S. M. La Regina Maria Cristina" denuncia la presenza nel "n. 72 Camerone attiguo già serviente di stato per li Drammatici" dei "quadri che non hanno ancora una precisa destinazione, e sono n. 54 quadri tra grandi e piccoli acquistati a S. Giorgio cioè 3 Tre quadri grandi quadrilunghi con cornice dorata rappresentanti casolari e bestiami 2 Due altri più grandi ancora simili ai suddetti ma guasti e smontati, la cornice è pure dorata, ma trovasi in otto pezzi 2 Due altri grandi ovali rappresentanti Bestiame al pascolo 47 quadri piccoli con cornice nera". Negli inventari storici spesso questi dipinti, rappresentanti scene bucoliche con pastori e bestiame, vengono attribuiti in maniera generica alla scuola del Crivelli. La critica ottocentesca e buona parte di quella novecentesca del resto rinunciarono alla distinzione delle diverse mani di Angelo Maria e Giovanni Crivelli, assegnando tra le tematiche da loro trattate anche le scene agresti. In realtà nel corso della ricerca effettuata non si sono trovate opere documentate ai Crivelli con soggetti simili. Soltanto nella monografia di Arisi su Felice Boselli (Piacenza 20 aprile 1650- Parma 23 agosto 1732) sono pubblicate cinque tele in collezione privata piacentina confrontabili con le nostre, attribuite una a Boselli insieme a Giovanni Crivelli detto il Crivellino (Milano ?-1760) e le altre al pittore milanese. L'ipotesi di Arisi infatti prevedeva un lungo periodo di apprendistato del Crivellino nella bottega del maestro, tra il 1721 e il 1732, recentemente messa in discussione nel catalogo "Settecento lombardo" del 1991, a cura di R. Bossaglia e V. Terraroli, in cui si ritiene "strano che in un momento in cui la bottega di padre e figlio Crivelli doveva essere in piena attività e successo a Milano, uno dei due se ne stia distaccato e per un così lungo periodo" (p. 250). In questa sede si preferisce lasciare un'attribuzione generica ad "ambito piemontese?", dal momento che l'autore rivela una buona conoscenza della cultura figurativa lombarda ed in particolare, per quanto riguarda le tematiche agresti, alla produzione di Francesco Londonio (1723-1783), di cui però non si conoscono opere autografe in collezioni piemontesi, divulgata su vasta scala dalle incisioni.La tela, priva della sua cornice, non presenta i numeri d'inventario storici e pertanto non è stato possibile ricostruirne la catena inventariale 
paesaggio con animali 
25 F 2 : 25 H 1 
Il dipinto presenta una cornice in legno intagliato e dorato priva di elementi decorativi. Rappresenta due mucche, una in atto di sollevare il muso dallo stagno in cui si stava abbeverando, una capra, una pecora e due anatre in un paesaggio con alberi. In lontananza si scorgono edifici e colline 
Agliè (TO) 
proprietà Stato 
paesaggio con animali 
tela/ pittura a olio 
bibliografia di confronto: Arisi F - 1973 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here