altare, opera isolata by Cattaneo Andrea, Cattaneo Domenico - ambito piemontese (ultimo quarto, primo quarto sec. XVIII, sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100204780 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

altare, opera isolata
altare, opera isolata by Cattaneo Andrea, Cattaneo Domenico - ambito piemontese (ultimo quarto, primo quarto sec. XVIII, sec. XIX) 
altare, opera isolata di Cattaneo Andrea, Cattaneo Domenico - ambito piemontese (ultimo quarto, primo quarto sec. XVIII, sec. XIX) 
post 1821-ante 1821 
post 1779-ante 1780 
Mensa a forma di sarcofago con ampie volute ai lati. Specchiatura frontale con formella mistilinea terminante in basso in due riccioli convergenti su cui è una conchiglia. Due gradoni sagomati, il più basso dei quali termina ai lati in ampia voluta con ricciolo. Decorazione dipinta a finto marmo su tutte le superfici nei colori grigio, giallo e bianco-violaceo. Cornice architettonica con profilo interno centinato ed esterno a timpano triangolare, in stucco dipinto a finto marmo nei colori giallo, grigio e verde, con cherubini in stucco bianco nella parte superiore. Nel timpano raggera dorata e nuvolette argentate con disco con monogramma cristologico al centro 
altare (opera isolata) 
00204780 
01 
0100204780 
L'altare è dedicato a San Francesco di Sales. La realizzazione degli altari delle cappelle laterali dovette avvenire dopo il completamento dell'edificio nelle sue strutture portanti: la consacrazione ebbe luogo nel 1779, ma per alcuni decenni furono portati avanti i lavori di completamento delle decorazioni interne. Una notizia riportata nelle "Quittanze originali riguardanti il conto reso dal Notaio Fea Tesoriere della Fabrica della nuova chiesa parrocchiale di Caraglio", registro dei pagamenti conservato nell'Archivio parrocchiale, permette di indicare la data di inizio per i lavori agli altari laterali proprio al 1779: 12 agosto 1779: pagati Domenico Rieri e Ludovico e Giuseppe Durbano per il "cavamento della terra e trasporto d'essa delle fondamenta de' sei altari di detta chiesa" (ff. 55r e v). Si è conservata anche la notizia riguardante l'intervento di un non meglio identificato stuccatore, che avrebbe marmoreggiato l'altare di San Francesco nel 1780: "Libro dei conti, ed ordinati della Compagnia del SS. Sacramento eretta nella Parochiale di Santa Maria sotto il titolo dell'Assonta del luogo di Caraglio cominciato l'anno 1670", conservato nella Biblioteca del Seminario Vescovile di Cuneo (ma oggi in Santa Maria a Cuneo), f. 232. A questa data si può quindi pensare che almeno per questo altare i lavori fossero in fase avanzata. Per quanto riguarda la decorazione dipinta a finto marmo, nel 1821 fu stanziata la somma di duemilacinquecento lire "per la marmorizzazione di lesene, pile, zoccoli e altari della chiesa. L'opera venne affidata ai Signori Cattaneo padre e figlio, i quali si dimostrarono artisti bravi e coscienziosi": Gallo F. Memorie storiche, in Armando L. (a cura di), Da Pieve di Santa Maria a Parrocchia di Maria Assunta a Caraglio, Cuneo 2000, p. 94. Due stuccatori con questo cognome risultano attivi a Cuneo nel XIX secolo. Andrea Cattaneo lavora alla cornice dell'altare maggiore della chiesa di Sant'Ambrogio, Domenico nella stessa chiesa realizza decorazioni a stucco nella cappella dell'Addolorata (1810-11), e un busto in marmo in Santa Croce ancora nel 1877: Sacchetto G. Artisti dell'Ottocento - Novecento attivi a Cuneo, in Gazzola G. M. (a cura di), Cuneo: una diocesi e una città, Cuneo 1998, p. 277. Potrebbero essere stati loro a completare le cappelle e gli altari della parrocchiale di Caraglio, non solo per la marmorizzazione, ma magari anche per gli stucchi. La cornice inquadra la pala d'altare, di dimensioni considerevoli, e con il timpano di forma triangolare ne accentua il senso di verticalità 
11 G 12 
Mensa a forma di sarcofago con ampie volute ai lati. Specchiatura frontale con formella mistilinea terminante in basso in due riccioli convergenti su cui è una conchiglia. Due gradoni sagomati, il più basso dei quali termina ai lati in ampia voluta con ricciolo. Decorazione dipinta a finto marmo su tutte le superfici nei colori grigio, giallo e bianco-violaceo. Cornice architettonica con profilo interno centinato ed esterno a timpano triangolare, in stucco dipinto a finto marmo nei colori giallo, grigio e verde, con cherubini in stucco bianco nella parte superiore. Nel timpano raggera dorata e nuvolette argentate con disco con monogramma cristologico al centro 
altare 
Caraglio (CN) 
0100204780 
altare 
proprietà Ente religioso cattolico 
stucco/ modellatura/ marmorizzazione/ doratura/ argentatura 
bibliografia di confronto: Sacchetto G - 1998 
bibliografia specifica: Gallo F - 2000 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here