soggetto assente (bandiera) - manifattura italiana (metà sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100215959 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

bandiera soggetto assente
soggetto assente (bandiera) - manifattura italiana (metà sec. XIX) 
soggetto assente (bandiera) - manifattura italiana (metà sec. XIX) 
bandiera 
Recto in velluto in seta di color blu recante un'iscrizione ricamata in argento filato e riccio a punto posato su imbottitaura in cartoncino. Alla scritta è sovrapposta un'arme di Savoia, adagiata su serti di quercia, eseguita con la tecnica del ricamo a riporto, impiegando taffetas bianco laminato in argento, argento filato ricamato a punto posato su imbottitura, ciniglia rossa (impiegata per rifinire la croce posta al centro e le venature delle foglie dei serti di quercia), oro riccio ricamato a punto posato (scelto per realizzare i rami dei serti) e paillette dorate. Verso in gros de Tours rosso con croce avorio.. Sui tre lati è applicata una frangia con briglie in oro filato e canutiglia. Al lato all'asta sono cuciti a distanza regolare quattro nastri in taffetas azzurro che servivano a legare il drappo stesso all'asta. Sia il recto che il verso presentano una cornice quadrangolare definita da un gallone in oro filato, deciorato dall'andamento serpentino degli stessi filati 
ca 1847-ca 1847 
0100215959 
bandiera 
00215959 
01 
0100215959 
La bandiera è stata donata come segno di gratitudine a Carlo Alberto dalla comunità Valdese a celebrazione delle riforme attuate da Carlo Alberto alla fine dell'ottobre 1847 che, in particolare, concedevano ai Valdesi i diritti civili di tutti gli altri sudditi. Con le nuove libertà i Valdesi potevano finalmente esercitare le "professioni liberali" e iscriversi all'Università. Bibliografia: A. Angelucci, Catalogo della Armeria Reale illustrato con incisioni compilato dal maggiore Angelo Angelucci per carica del Ministero della Casa Reale, Torino 1890, p. 519; E. Ricchiardi, Le bandiere di Carlo Alberto (1814 - 1849). Editrice il Punto, Torino: 2000. Riferimenti Archivio Storico dell'Armeria Reale: Strumenti 30. Nel secondo registro la bandiera è censita al n° 8 della Classe IV relativa ai "Doni nazionali e oggetti propri dei Re Carlo Alberto, Vittorio Emanuele II e Umberto I". La serie S era relativa ai "Doni e oggetti appartenuti a Re Carlo Alberto" 
soggetto assente 
soggetto assente 
Recto in velluto in seta di color blu recante un'iscrizione ricamata in argento filato e riccio a punto posato su imbottitaura in cartoncino. Alla scritta è sovrapposta un'arme di Savoia, adagiata su serti di quercia, eseguita con la tecnica del ricamo a riporto, impiegando taffetas bianco laminato in argento, argento filato ricamato a punto posato su imbottitura, ciniglia rossa (impiegata per rifinire la croce posta al centro e le venature delle foglie dei serti di quercia), oro riccio ricamato a punto posato (scelto per realizzare i rami dei serti) e paillette dorate. Verso in gros de Tours rosso con croce avorio.. Sui tre lati è applicata una frangia con briglie in oro filato e canutiglia. Al lato all'asta sono cuciti a distanza regolare quattro nastri in taffetas azzurro che servivano a legare il drappo stesso all'asta. Sia il recto che il verso presentano una cornice quadrangolare definita da un gallone in oro filato, deciorato dall'andamento serpentino degli stessi filati 
Torino (TO) 
proprietà Stato 
soggetto assente 
seta/ raso 
seta/ taffetas 
seta/ gros de Tours 
seta/ marezzatura 
seta/ ricamo ad applicazione 
seta/ velluto tagliato 
seta/ ricamo in oro 
seta/ laminata in argento 
paillette/ argentatura 
filo dorato/ lavorazione a telaio 
seta/ ricamo in rilievo con imbottitura 
bibliografia specifica: Angelucci A - 1890 
bibliografia specifica: Ricchiardi E - 2000 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here