ritratto d'uomo (dipinto, opera isolata) by Robusti Jacopo detto Tintoretto (bottega) (metà/ fine sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100350794 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata ritratto d'uomo
ritratto d'uomo (dipinto, opera isolata) by Robusti Jacopo detto Tintoretto (bottega) (metà/ fine sec. XVI) 
ritratto d'uomo (dipinto, opera isolata) di Robusti Jacopo detto Tintoretto (bottega) (metà/ fine sec. XVI) 
ca 1571-ca 1600 
La cornice a fogliami e altorilievi traforati e dorati é originale per Gabrielli (1971) ed è analoga a quella dei dipinti aventi inventario nn. 430, 264 e 302 
dipinto (opera isolata) 
2267  442  682 
00350794 
01 
0100350794 
Il dipinto proviene dalla collezione dell’industriale, mecenate e collezionista d’arte torinese Riccardo Gualino. Pervenne alle collezioni della Galleria nel 1930 con l’attribuzione a Jacopo Tintoretto, conferita da Pittaluga (1925) e Lionello Venturi (1926), entrambi propensi a riconoscere nell’effigiato il celebre Generale da Mar della Repubblica Sebastiano Venier (1496-1578). Il riconoscimento si basava sul confronto con il Ritratto del Kunsthistosches Museum di Vienna (inv. n. 32) già in collezione Barbarigo, nel quale era raffigurato ormai ottuagenario all’indomani della vittoria della Battaglia di Lepanto del 1571 che l’aveva reso celebre. Entrambi gli studiosi proponevano d’identificare il dipinto torinese con quello visto da Carlo Ridolfi, poco prima della metà del XVII secolo, nella collezione veneziana di Nicolò Crasso (cfr. Kelly, 1933, CCCLVIII). Se così fosse il dipinto immortalerebbe il celebre eroe all’età di cinquanta, sessant’anni, dunque dovrebbe collocarsi all’incirca attorno alla metà del XVI secolo (Venturi, 1926). I pareri orali di Nicola Ivanoff e Giuseppe Fiocco inclinavano invece in direzione dei figli del Robusti, pronunciandosi rispettivamente a favore di Domenico e Marietta (Gabrielli, 1971). Noemi Gabrielli (1971) tornava a proporre il nome di Jacopo nonostante gli evidenti ritocchi e i rifacimenti tutt’ora visibili sulla superficie della tela, mentre Federico Zeri (1973, ed. 1998) lo riavvicinava al figlio pittore. Paola Rossi (1974) infine lo inseriva tra i ritratti d’incerta o di erronea attribuzione, dubitando sulla pertinenza del confronto con quello viennese. Effettivamente il paragone fisiognomico con il celebre Ritratto di Sebastiano Venier o con quello di analoga attribuzione di collezione privata torinese e provenienza Mocenigo pubblicato da Fiocco (1932), ma anche con gli esemplari realizzati in pittura da Andrea Vicentino o in scultura da Tiziano Aspetti e Alessandro Vittoria del Palazzo Ducale di Venezia e da ultimo con la terracotta di Palazzo Vertemate-Franchi di Piuro a Chiavenna, che dovrebbe ritrarlo più giovane nel 1560/65 circa (Sgarbi, 2012, pp. 204-205), non tradiscono più di una generica somiglianza con il personaggio del Ritratto Gualino. Non dirime inequivocabilmente la questione nemmeno il raffronto con la celebre armatura appartenuta a Sebastiano Venier (Vienna, Kunsthistorisches Museum, inv. n. A 984), caratterizzata da vistosi motivi a strisce auree e puntualmente illustrata nel sopracitato Ritratto di collezione privata torinese (Gibellini, 2008, pp. 95-97), che nel dipinto della Galleria Sabauda si direbbe forse tradotta con eccessiva semplicità. Più probabile invece che il dipinto, fuoriuscito dalla bottega del Robusti, riproduca i connotati di un ignoto eroe della Repubblica tra il terzo quarto e la fine del XVI secolo. L'attuale pesantezza della pennellata e dell’impasto cromatico, probabilmente ascrivibile a ritocchi successivi, non incoraggia neppure la sua piena ascrizione tra le opere certe del pittore 
61 B 11 
ritratto d'uomo 
La cornice a fogliami e altorilievi traforati e dorati é originale per Gabrielli (1971) ed è analoga a quella dei dipinti aventi inventario nn. 430, 264 e 302 
ritratto d'uomo 
Torino (TO) 
0100350794 
dipinto 
proprietà Stato 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: [Gabrielli, Noemi (a cura di)] - 1961 
bibliografia specifica: Berenson, Bernard - 1932 
bibliografia specifica: Berenson, Bernard - 1957 
bibliografia specifica: Berenson, Bernard - 1968 
bibliografia specifica: Brizio, Anna Maria - 1928 
bibliografia specifica: Carità, Roberto - 1947 
bibliografia specifica: Gabrielli, Noemi - 1965 
bibliografia specifica: Gabrielli, Noemi - 1971 
bibliografia specifica: Pittaluga, Mary - 1925 
bibliografia specifica: Suida, Wilhelm - 1927 
bibliografia specifica: Venturi, Adolfo - 1926 
bibliografia specifica: Venturi, Lionello - 1926 
bibliografia specifica: Venturi, Lionello - 1928 
bibliografia di confronto: Fiocco, Giuseppe - 1932 
bibliografia di confronto: Kelly, F.M - 1933 
bibliografia di confronto: Sgarbi, Vittorio - 2012 
bibliografia specifica: Pittaluga, Mary - 1926 
bibliografia specifica: Rossi, Paola - 1974 
bibliografia specifica: Zeri, Federico - 1998 
bibliografia di confronto: Gibellini, Cecilia - 2008 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here