mantovana, serie by Palagi Pelagio, Manifattura Solei (secondo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0100401046 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

mantovana, serie
mantovana, serie by Palagi Pelagio, Manifattura Solei (secondo quarto sec. XIX) 
mantovana, serie di Palagi Pelagio, Manifattura Solei (secondo quarto sec. XIX) 
post 1837-ante 1848 
La mantovana è composta da tre parti principali in velluto di seta tagliato a un corpo, foderate in raso di seta, assemblate con filo di seta: tendone centrale e due calate laterali. Alle estremità delle due calate sono cuciti due pendenti trattenuti da piccola coccarda in tessuto. Tutti e tre gli elementi hanno applicata all’orlo inferiore una frangia le cui briglie sono costituite da elementi in filo di seta alternati a pallottole e cilindretti con anima in legno o carta rivestita di fili colorati 
mantovana (serie) 
5358 
1385-1386 
D.C. 599 
00401046 
01 
0100401046 
Il rinnovamento della “Camera di Studio di S.M.”, detta anche “la camera in cui S.M. lavora coi Ministri”, poi denominata Sala del Consiglio, venne avviato alla fine del 1836, quando Gabriele Capello detto il Moncalvo firmò il contratto per i lavori da eseguire, sia arredi fissi che mobili, tutti su disegno di Pelagio Palagi. I diversi manufatti vennero messi in opera principalmente nel corso del 1837-1838. Il repertorio figurativo e decorativo messo in opera negli elementi d’arredo di questa sala rispecchiava pienamente la cultura di Palagi, appassionato ricercatore e collezionista di reperti antichi, ma anche uomo attento alle più moderne istanze della sensibilità romantica e del recupero del mondo classico filtrato attraverso la lezione rinascimentale. L’intervento fece parte di un più ampio progetto di riplasmazione degli ambienti seicenteschi del Palazzo, che aveva incluso anche le attigue sale del Trono e delle Udienze, fulcro del cerimoniale politico della reggia in età carloalbertina. L’esistenza di mantovane in velluto di seta verde, abbinate ai relativi tendoni, per completare le tre finestre che si aprono sulla Sala del Consiglio è attestata negli inventari patrimoniali di Palazzo Reale, completi nella descrizione di tutti gli elementi d’arredo, solamente a partire dal 1880. Grande attenzione fu rivolta nella seconda metà dell'Ottocento a questo tipo di elementi di d'arredo e in particolare ai tessuti di rivestimento che dovevano rendere accogliente l'ambiente. Tuttavia, è noto che Pelagio Palagi venne richiesto di curare il disegno, la scelta dei materiali e dei professionisti anche per l’esecuzione di parti d’arredo fisse, dai pavimenti alle tappezziere, e mobili di ogni sorta sino alle “aste per drapperie” al fine di creare ambienti caratterizzati da una forte unità decorativa in cui le arti “maggiori” e “minori” trovassero una perfetta sintesi espressiva. Pertanto, anche i tendoni di questa sala dovettero far parte, come la tappezzeria, di una unica commissione, essendo realizzate “en suite” con il rivestimento di sedie, poltrone, sgabelli e divano, non solo per la scelta materica del tessuto, ma anche per il decoro. Benché manchino studi specifici, è da ipotizzarsi, dunque, che il disegno si debba a Pelagio Palagi e che l’esecuzione sia stata affidata a una manifattura torinese, forse quella del noto Bernardo Solei, cui si deve il rivestimento delle pareti delle vicine Sale del Trono e dell’Udienza, oppure ad artigiani milanesi cui spesso Palagi si rivolse durante i decenni al servizio di Casa Savoia. La messa in opera del parato si concluse nel 1848, pertanto, si deve pensare che anche i tendaggi siano stati montati entro questa data. Non è da escludere, infine, che parti della mantovana siano state rifatte in occasione dei lavori che interessarono il palazzo per il centenario dell’Unità d’Italia nel 1961. La numerazione relativa alla sequenza inventariale (1880, 1908, 1966) è stata attribuita arbitrariamente all’esemplare in oggetto, dal momento che i numeri indicati negli inventari, forse apposti sul retro di esso, non sono visibili a una osservazione frontale senza lo smontaggio del manufatto 
soggetto assente 
La mantovana è composta da tre parti principali in velluto di seta tagliato a un corpo, foderate in raso di seta, assemblate con filo di seta: tendone centrale e due calate laterali. Alle estremità delle due calate sono cuciti due pendenti trattenuti da piccola coccarda in tessuto. Tutti e tre gli elementi hanno applicata all’orlo inferiore una frangia le cui briglie sono costituite da elementi in filo di seta alternati a pallottole e cilindretti con anima in legno o carta rivestita di fili colorati 
mantovana 
Torino (TO) 
0100401046 
mantovana 
proprietà Stato 
cartone 
legno 
seta/ velluto liscio o tagliato 
seta/ raso 
filo di seta 
bibliografia specifica: Antonetto, Roberto - 2004 
bibliografia specifica: Pelagio Palagi artista e collezionista - 1976 
bibliografia specifica: Cultura figurativa e architettonica negli Stati del Re di Sardegna 1773-1861 - 1980 
bibliografia specifica: Rovere, Clemente - 1858 
bibliografia specifica: Santa, Lorenza - 2012 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here