tabernacolo - a tempietto, elemento d'insieme by Fantoni Andrea (bottega) (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300082116-2 an entity of type: CulturalPropertyComponent

tabernacolo, a tempietto, elemento d'insieme, sopra la mensa
tabernacolo - a tempietto, elemento d'insieme di Fantoni Andrea (bottega) (sec. XVIII) 
tabernacolo - a tempietto, elemento d'insieme by Fantoni Andrea (bottega) (sec. XVIII) 
tabernacolo (a tempietto, elemento d'insieme) 
Il tabernacolo a tempietto è costruito in 3 qualità di legno. Nella parte inferiore è la portella della secreta, su cui tra fini decorazioni, è raffigurato un ostensorio. L'architettura è sostenuta, su entrambi i fianchi, da 3 colonnine tortili con eleganti capitelli compositi. La cupola a bulbo, molto elaborata, è adorna di foglie d'acanto, volute e cherubini. fini decorazioni fitomorfe ornano anche la base e la trabeazione del tempietto. A sinistra è collocata la statuetta di un santo, l'intercolumnio di destra e le due mensolette alla base della cupola sono attualmente prive di sculture. La specchiatura centrale del tempietto è occupata da un rilievo raffigurante la "Crocifissione". Il lavoro è completato in alto dalla statuetta del Redentore; quest'ultima, scolpita negli anni Venti da Onorato Ferrari, sostituisce quella originale trafugata nel 1976 
1716-1716 
0300082116-2 
tabernacolo a tempietto 
00082116 
03 
0300082116 
Non esistono documenti relativi alla costruzione dell'altare. Il tabernacolo fu eseguito nel 1716 dalla bottega di Andrea Fantoni; pertanto tenuto conto dell'unità stilistica e correttamente assegnato a quella bottega, da cui sarebbe uscito in un'epoca molto prossima a quella del tabernacolo. Il lavoro è stato commissionato alla bottega di Andrea Fantoni nel 1711 che lo ha eseguito qualche anno più tardi. infatti la nota di esecuzione e quella di credito risalgono al 1716. ll rilievo raffigurante la Crocifissione trova riscontro iconografico in due bozzetti di terracotta: si tratta del rilievo n.48 del museo Fantoni di Rovetta e di quello, di soggetto analogo, custodito nella saletta Fantoni-Ambiveri dell'accademia Carrara di Bergamo 
sopra la mensa 
Il tabernacolo a tempietto è costruito in 3 qualità di legno. Nella parte inferiore è la portella della secreta, su cui tra fini decorazioni, è raffigurato un ostensorio. L'architettura è sostenuta, su entrambi i fianchi, da 3 colonnine tortili con eleganti capitelli compositi. La cupola a bulbo, molto elaborata, è adorna di foglie d'acanto, volute e cherubini. fini decorazioni fitomorfe ornano anche la base e la trabeazione del tempietto. A sinistra è collocata la statuetta di un santo, l'intercolumnio di destra e le due mensolette alla base della cupola sono attualmente prive di sculture. La specchiatura centrale del tempietto è occupata da un rilievo raffigurante la "Crocifissione". Il lavoro è completato in alto dalla statuetta del Redentore; quest'ultima, scolpita negli anni Venti da Onorato Ferrari, sostituisce quella originale trafugata nel 1976 
Ponte di Legno (BS) 
proprietà Ente religioso cattolico 
tabernacolo 
legno di noce 
legno/ intaglio/ lucidatura 
legno di bosso 
bibliografia specifica: Vezzoli G./ Begni Redona P.V - 1981 
bibliografia specifica: Canevali F - 1912 
bibliografia specifica: Rota G - 1934 
bibliografia specifica: Bossaglia R - 1978 
bibliografia specifica: Frandi A./ Cagnoni G - 1969 
bibliografia specifica: Putelli R - 1929 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here