altare, insieme - ambito lombardo (fine/ inizio secc. XVI/ XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300150180 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

altare, insieme
altare, insieme - ambito lombardo (fine/ inizio secc. XVI/ XVII) 
altare, insieme - ambito lombardo (fine/ inizio secc. XVI/ XVII) 
altare (insieme) 
Altare ligneo intagliato e dorato, attualmente del tutto smontato, compost o da diversi elementi uniti ad incastro, la cui conformazione d'insieme è ben leggibile in una vecchia foto dell'altare com'era stato ricomposto all 'interno di una delle sale del Palazzo ducale (IV sala dell'Appartamento d i Guastalla) e in un'altra foto grafia che comprende il manufatto smontato a terra. Nella chiesa di provenienza di Pieve di Coriano l'ancona era fis sata al muro e posta sopra una mensa d'altare sotto la quale erano sistema te, alle estremità del fronte, le due lesene intagliate e dorate con caria tidi dalle braccia alzate e piedistalli con piccoli medaglioni parzialment e sovrapposti a rosoni, fascio di frutta e foglia d'acanto nella parte inf eriore. Le cariatidi sono delimitate ai lati da festoni di frutta e cornic i di girali vegetali e floreali. L'ancona presenta una base delimitata da cornici modanate e variamente decorate; la fascia centrale è percorsa da d ue girali dorati su fondo blu che si dipartono da un motivo a foglia d'aca nto posto nel centro. Le lesene, poggianti su plinti decorati da cherubini comprendono cariatidi con un braccio alzato e veste drappeggiata poste a loro volta sopra alti piedistalli decorati con motivo a medaglioni parzial mente sorapposti con rosoni. C 
1590-1610 
0300150180 
altare 
00150180 
11 
03 
0300150180 
L'altare, come quelli descritti nelle schede 0300150170 e 03000150181, pro viene dalla chiesa parrocchiale di Pieve di Coriano. Una fotografia del 19 30-31 ca. mostra l'altare provvisto della mensa con le due cariatidi; anco ra montato lungo la parete di una delle navate della chiesa, che già appar iva messa a nudo nella sua struttura medievale. Che a quell'epoca l'altare fosse ancora montato nella chiesa di Pieve, è attestato anche dal cartegg io, conservato presso l'archivio della Curia Vescovile di Mantova, riguard ante l'autorizzazione vescovile di alienazione concessa appunto del 1931. come un altro dei tre altari (NCTN 0300150181), il presente fu inventariat o come bene statale dopo il 1937 ma prima del 1940. L'acquisizione dei due altari fu convalidata definitivamente solo con il parere del ministero de ll'Educazione (n. 2819 del 20/06/1941). L'Ozzola menziona entrambi gli alt ari, nel catalogo di Palazzo Ducale ome collocati nella Sala delle Aquile nell'Appartamento Guastalla e li cita con queste parole: "due altari di le gno scolpiti e dorati. Fine sec. XVI. Provengono dalla Chiesa di Coriano". La chiesa era stata infatti oggetti di radicali restauri tra il secondo e il quarto decennio del '900. nel corso di tali interventi, probabilmente al fine di ripristinare anche all'interno della chiesa la configurazione m edievale dell'edificio, dalle apreti vennero smontati alcuni altari, tra c ui il presente, che fu acquisito, insieme ad un altro (NCTN 0300150181) da lla Soprintendenza di Mantova e montato in una delle sale dell'appartament o di Guastalla in Palazzo Ducale. La vendita degli altari procurò alla chi esa di Pieve di Coriano parte dei finanziamenti per completare il campanil e. Successivamente il rpesente altare fu di nuovo smontato dalle sale del Palazzo Ducale e i relativi pezzi furono collocati in un deposito dove si trovano tuttora. Nella generale configurazione dell'ancona e nei singoli e lementi architettonici e decorativi - i timpani spezzati del frontone e de ll'edicola, le erme, le volute dal profilo sinuoso - s'individuano i temi più ricorrenti della cultura tardo-manierista che spingono ad ascrivere il complesso ligneo al tardo '500 o agli inizi del '600 
Altare ligneo intagliato e dorato, attualmente del tutto smontato, compost o da diversi elementi uniti ad incastro, la cui conformazione d'insieme è ben leggibile in una vecchia foto dell'altare com'era stato ricomposto all 'interno di una delle sale del Palazzo ducale (IV sala dell'Appartamento d i Guastalla) e in un'altra foto grafia che comprende il manufatto smontato a terra. Nella chiesa di provenienza di Pieve di Coriano l'ancona era fis sata al muro e posta sopra una mensa d'altare sotto la quale erano sistema te, alle estremità del fronte, le due lesene intagliate e dorate con caria tidi dalle braccia alzate e piedistalli con piccoli medaglioni parzialment e sovrapposti a rosoni, fascio di frutta e foglia d'acanto nella parte inf eriore. Le cariatidi sono delimitate ai lati da festoni di frutta e cornic i di girali vegetali e floreali. L'ancona presenta una base delimitata da cornici modanate e variamente decorate; la fascia centrale è percorsa da d ue girali dorati su fondo blu che si dipartono da un motivo a foglia d'aca nto posto nel centro. Le lesene, poggianti su plinti decorati da cherubini comprendono cariatidi con un braccio alzato e veste drappeggiata poste a loro volta sopra alti piedistalli decorati con motivo a medaglioni parzial mente sorapposti con rosoni. C 
Mantova (MN) 
proprietà Stato 
altare 
legno/ intaglio/ doratura/ modanatura/ gessatura/ pittura 
bibliografia specifica: Ozzola L - 1950 
bibliografia di confronto: Grassi M.G - 1975 
bibliografia di confronto: Perina C. - Marani E - 1965 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here