Giovane inorridisce davanti al volto di una donna (dipinto, elemento d'insieme) - ambito lombardo o veneto (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300152588 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, elemento d'insieme Giovane inorridisce davanti al volto di una donna
Giovane inorridisce davanti al volto di una donna (dipinto, elemento d'insieme) - ambito lombardo o veneto (sec. XVIII) 
Giovane inorridisce davanti al volto di una donna (dipinto, elemento d'insieme) - ambito lombardo o veneto (sec. XVIII) 
dipinto (elemento d'insieme) 
quadretto con cornice meccata e argentata 
ca 1785-ca 1795 
0300152588 
dipinto 
00152588 
03 
0300152588 
I quattro quadretti - bruttissimi e malconci - sono sfuggiti a qualsiasi inventariazione o identificazione fino ai nostri anni e se ne ignora perciò la provenienza. Rappresentano scene di soggetto frivolo, galante, forse legato a qualche spettacolo teatrale o a qualche tema letterario, comunque interpretato con estrema povertà di mezzi espressivi. Non mancano affinità con le incisioni di fine XVIII secolo: per esempio con quelle che corredano l'edizione delle Opere teatrali di Carlo Goldoni, pubblicate nel 1790. Il fil rouge delle quattro scenette pare la "vita di coppia". Si tratta di scene di corteggiamento o di schermaglie amorose fitte di allusioni erotiche; i due giovani che scherzano con una gabbia per uccelli sono un tema ricorrente nella pittura della prima metà del XVIII secolo: lo usano Lancret (Bayerische Staatsgemäldesammlungen, Alte Pinakothek, Munich, inv. HuW 4), Watteau, Boucher, ...; il cacciatore in secondo piano rinforza il doppio senso della scena (PORZIO 2008, pp. 125-127). In una seconda tela una mezzana è pagata per favorire gli amori di due giovani; in un'altra un uomo si spaventa davanti al volto deforme d'una donna che cala la maschera; nell'ultima il tema della famiglia è apparentemente visto in chiave parodistica e misogina. L'autore di queste tele potrebbe essere influenzato da Pietro Longhi ma è, in sostanza, un povero imbrattatele (non troppo lontano dai modi del carpigiano Pietro Mazzocoli). Trevisani (com. or.) mi suggerisce, per via della moda, una datazione agli anni 1785-1795 
Giovane inorridisce davanti al volto di una donna 
quadretto con cornice meccata e argentata 
Mantova (MN) 
detenzione Stato 
Giovane inorridisce davanti al volto di una donna 
tela/ pittura a olio 
legno/ doratura a mecca/ argentatura 
bibliografia specifica: L'Occaso S - 2011 
St. 100971 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here