gioco di putti (dipinto murale, elemento d'insieme) - ambito lombardo (sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300183767A-4 an entity of type: CulturalPropertyComponent

dipinto murale, elemento d'insieme gioco di putti
gioco di putti (dipinto murale, elemento d'insieme) - ambito lombardo (sec. XV) 
gioco di putti (dipinto murale, elemento d'insieme) - ambito lombardo (sec. XV) 
1423-1423 
Come su un drappo, sono raffigurati in un giardino due grandi alberi su fondo rosso cupo a destra della finestra due putti biondi e ignudi mentre si accingono a scalare un albero. Fascia inferiore con motti e imprese molto rovinati. A sinistra: un putto su una scala appoggiata ad un albero sta prendendo un cesto che gli porge un altro putto. Fascia inferiore con motto e imprese legati da nastri intrecciati a fiori, teste e putti e nel bordo inferiore come tavola coperta da tovaglia accoppiati con volatili sui rami. Fascia superiore: specchiature di varia forma con ornamenti vegetali e piccoli putti ritmati alternati a stemmi e imprese della famiglia Castiglioni 
dipinto murale (elemento d'insieme) 
00183767 
03 
0300183767A 
L'invenzione delle figure e il mondo di impaginarle, il motivo dei nastri con motti e imprese, è piuttosto da pittore miniatore lombardo, avanti e dopo Giovannino De grassi e Micheliono da Besozzo. Il complesso fu riferito dal Toesca (1912 p. 506) a un anonimo decoratore lombardo quando già il Sant'Ambrogio (1823) aveva suggerito un accostamento agli affreschi dei giochi Borromeo. Il Salmi (1963 p. 32) sottolineando la buona qualità degli affreschi vicini alla minatura gotica li datava intorno al 1440. Datazione diventata certa con la scoperta della data al centro della parete sud in basso: 14 ottobre 1423 (Marcaccioli Castiglioni 1982 p. 32). La materia iconografica della decorazione, al dilà di superficiali somiglianze con altri affreschi già in casa Borromeo a Milano, come la Raccolta delle melograne oggi nella rocca d'Angera, è certo da interpretare secondo un significato emblematico (l'albero fiorito è tra le imprese Castiglioni) che si precisa in rapporto alla figura del committente e della sua famiglia, si vedano le scritte con aforismi e massime morali (Dell'Acqua 1985, p. 21). La Gatti (1986 p. 21) infine propone basandosi sull'ode di antonio Plantanida, in onore del Cardinale Branda (beffa Negrini 1606, p. 245) un percorso ideale del Palazzo, a cui si riferisce anche questa decorazione, ove si identifica con il cammino dell'anima.Bibliografia: Antonius Plantanida, Ode ad divum Brandam Castilioneum. A. Beffa Negrini, Elogi historici di alcuni personaggi della famiglia Castiglioni, Mantova 1606, elogio XXXXI p. 245. D. Sant'Ambrogio, Il di Castiglione Olona presso Varese, Milano 1893. P. Toesca, la pittura e la miniatura della Lombardia, Milano 1912, p. 506. T. Foffano, La costruzione di Castiglione Olona in un opuscolo inedito di Frnacesco Pizolpasso in "Italia medioevale e Umanistica", III 1960, pp. 153-187. A. Marcaccioli Castiglioni, Nota per Palazzo Branda Castiglioni di Castigliomne Olona in "Arte Lombarda", 1982/1 p. 32. C. Pulin, The Palces of an early Renaissance Humanist, Cardinal Branda Castiglione, in "Arte Lombarda"1982/1 p. 26. A. Marcaccioli Cadstiglioni, Una pagina d'umanesimo scritta sul muro del Palazzo Branda Castiglioni in Castiglione Olona in "Rivista della società storica varesina, fasc. XVI ottobre 1983, 1. M.L. Gatti Perer, Historia salutis e Istoria varianti lombarde nell'applicazione del "De pictura" di Leon Battista Alberti in Arte Lombarda 1987/2, pp. 17-21. A. Dellai, Masolino da Panicale, Le storie di Maria e del Battista a Castiglione Olona, Milano 1986, pp. 25-26. E. Cattaneo-G. A. Dell'Acqua, Immagini di Castiglione Olona, Milano 1976, II ed. 1985 p. 21. S. Bandera scheda in M. Gregori, Pittura tra Ticino e Olona. Varese e Lombardia nord occidentale, Milano,1992 p. 234.Per iscrizioni vedi allegato scheda cartacea 
gioco di putti 
Come su un drappo, sono raffigurati in un giardino due grandi alberi su fondo rosso cupo a destra della finestra due putti biondi e ignudi mentre si accingono a scalare un albero. Fascia inferiore con motti e imprese molto rovinati. A sinistra: un putto su una scala appoggiata ad un albero sta prendendo un cesto che gli porge un altro putto. Fascia inferiore con motto e imprese legati da nastri intrecciati a fiori, teste e putti e nel bordo inferiore come tavola coperta da tovaglia accoppiati con volatili sui rami. Fascia superiore: specchiature di varia forma con ornamenti vegetali e piccoli putti ritmati alternati a stemmi e imprese della famiglia Castiglioni 
gioco di putti 
Castiglione Olona (VA) 
0300183767A-4 
dipinto murale 
proprietà Ente pubblico territoriale 
intonaco/ pittura a fresco 
bibliografia specifica: Toesca P - 1912 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here