altare, insieme by Orsolino Tommaso (attribuito) - bottega lombarda (sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300197177-0 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

altare, insieme, altare dei Santi Bruno e Carlo Borromeo
altare, insieme di Orsolino Tommaso (attribuito) - bottega lombarda (sec. XVII) 
altare, insieme by Orsolino Tommaso (attribuito) - bottega lombarda (sec. XVII) 
altare dei Santi Bruno e Carlo Borromeo (altare) 
Altare 
ca 1636-ca 1636 
0300197177-0 
altare 
00197177 
03 
0300197177 
L'altare, molto simile a quello di fronte dedicato alle Sante Reliquie, sostituì il precedente intitolato ai Santi Pietro e Paolo. L'originaria dedicazione ai due apostoli è confermata dalle notizie riguardanti la prima pala dell'altare, un trittico con la Madonna e i due Santi dipinto dal Bergognone, e dalla presenza dei due Santi nei medaglioni affrescati dal medesimo artista nelle lunette delle volte sopra l'altare. Il nuovo altare fu dotato delle colonne in marmo rosso da Timoteo Baroffio, priore dal 1602 al 1614, e fu riformato sotto il priore Andrea Garzoni (1621-1633), che simmetricamente costruì l'altare delle Reliquie del transetto sinistro e riconsacrò il nostro altare il 5 ottobre 1632 con dedica a San Bruno. Tale scelta venne aspramente deplorata dal successivo priore Matteo Valerio, che si pensa entrò in polemica con il Garzoni per motivi di politica ecclesiale.||Il paliotto e le sculture del Salvatore con due angeli sopra il timpano sono assegnate dalle fonti documentarie a Tommaso Orsolino e datate al 1636 
Altare 
Certosa di Pavia (PV) 
proprietà Stato 
altare dei Santi Bruno e Carlo Borromeo 
marmi policromi 
bibliografia specifica: Bossaglia R - 1968 
bibliografia specifica: Bartoli F - 1777 
bibliografia specifica: Battaglia R - 1992 
bibliografia specifica: Fabjan B - 1986 
bibliografia specifica: Magenta C - 1897 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here