Ritratto del prevosto Pietro Faglia (dipinto, opera isolata) by Teosa Giovanni Battista (terzo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300641871 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata Ritratto del prevosto Pietro Faglia
Ritratto del prevosto Pietro Faglia (dipinto, opera isolata) di Teosa Giovanni Battista (terzo quarto sec. XVIII) 
Ritratto del prevosto Pietro Faglia (dipinto, opera isolata) by Teosa Giovanni Battista (terzo quarto sec. XVIII) 
dipinto (opera isolata) 
Don Pietro Faglia è raffigurato seduto su una sedia a braccioli posta al centro della scena e girata verso destra; in basso a sinistra si vede una sorta di piedistallo su cui è appoggiato un libro con un cartiglio e con il cappello quadrato; alle spalle del prelato la scena è chiusa da un tendaggio e da una colonna posta a destra 
post 1768-ca 1780 
0300641871 
dipinto 
00641871 
03 
0300641871 
Il dipinto, recentemente restaurato, è l'unico dei ritratti conservati nella Pinacoteca Repossi e attribuibili a Giovan Battista Teosa che rechi la firma dell'artista. Il dipinto fu fatto realizzare dal Consiglio di amministrazione del Consorzio dei Poveri per commemorare la magnanimità del prevosto Pietro Faglia che aveva legato il suo patrimonio immobiliare ad uso delle scuole pubbliche di Chiari. La lunga iscrizione ricorda proprio questo evento per il quale, grato animo, fu realizzata questa memoria. Come negli altri dipinti del padre di Giuseppe Teosa, anche in questo ritratto si nota la tendenza a interpretare gli stilemi di secondo Settecento applicandovi una semplificazione e stilizzazione delle forme che, però, non rinuncia ai particolari 'di rito' come in questo caso il grande tendaggio, il basamento della colonna e il grande scranno rosso sul quale siede il prevosto. Al contrario, la figura del Faglia, avvolta nel nero della veste clericale, appare monumentale eppure rinsecchita nel fare spigoloso delle pieghe dell'abito e nello scavo del volto dai tratti aguzzi e dalla concentrata, quasi arcigna, fisionomia. Del prevosto Faglia esiste un altro ritratto sempre di mano di Giovan Battista Teosa, ma di qualità più scadente, nella sagrestia della parrocchiale che lo ritrae in piedi in veste, cotta e stola 
Ritratto del prevosto Pietro Faglia 
Don Pietro Faglia è raffigurato seduto su una sedia a braccioli posta al centro della scena e girata verso destra; in basso a sinistra si vede una sorta di piedistallo su cui è appoggiato un libro con un cartiglio e con il cappello quadrato; alle spalle del prelato la scena è chiusa da un tendaggio e da una colonna posta a destra 
Chiari (BS) 
proprietà privata 
Ritratto del prevosto Pietro Faglia 
olio su tela 
bibliografia specifica: Terraroli V - 1991 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here