Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi (dipinto, opera isolata) - ambito bresciano (metà sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0300641872 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, opera isolata Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi
Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi (dipinto, opera isolata) - ambito bresciano (metà sec. XIX) 
Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi (dipinto, opera isolata) - ambito bresciano (metà sec. XIX) 
dipinto (opera isolata) 
Pietro Bartolomeo Repossi è raffigurato nel suo studio seduto dietro un tavolo, di tre quarti verso sinistra. Con le due mani tiene un foglio manoscritto che stava leggendo. Sul tavolo sono appoggiati un calamaio a sinistra, e alcuni libri (di cui uno aperto) a destra. Alle sue spalle si vedono: a sinistra la statua di Angelica e Medoro conservata nella Pinacoteca Repossi (cfr. statua S000**) e a destra una libreria piena di libri 
post 1843-ante 1854 
0300641872 
dipinto 
00641872 
03 
0300641872 
Al numero 11 della Distinta del 1854 nella quale si dava relazione delle opere lasciate dall'avvocato milanese alla Congregazione di Carità di Chiari, si trova menzionato un "Ritratto con cornice nera con filo dorato" che - seppure sia diversa la descrizione della cornice - può essere riconosciuto con l'attuale dipinto raffigurante Pietro Bartolomeo Repossi seduto alla scrivania con alcuni fogli tra le mani; alle sue spalle uno scaffale colmo di libri e il gruppo marmoreo, scolpito dal ravennate Gaetano Monti nel 1842, raffigurante Angelica e Medoro. La presenza di questo gruppo è importante per determinare il termine post quem dell'esecusione del dipinto che si trovava già nella casa del Ripossi nel 1843. La qualità pittorica del ritratto è assai modesta; può essere assegnato a un mediocre pittore attivo verso la metà dell'Ottocento che non si segnala per particolari pregi stilistici. Assai suggestivo sarebbe, però, sulla scorta di un'intuizione di Maggi (2003-2004, p. 116), assegnare allo stesso Repossi l'esecuzione del suo ritratto. Secondo Maggi sarebbe, infatti, possibile ipotizzare che l'avvocato si dilettasse di pittura e a lui sarebbero assegnabili i due bozzetti raffiguranti la Rinuncia ai beni di san Francesco d'Assisi (inv. nn. D00105 e D00112), pure di non altissima qualità. Oltre a questi, nelle collezioni della Pinacoteca Repossi, si trova un disegno che riprende una stampa di Rubens (figurante tra le opere della collezione dell'avvocato) sul quale si trova una scritta che lascia supporre sia stato compiuto dallo stesso Repossi (D00126). Senza nulla concludere in proposito è comunque possibile accogliere, a titolo di ipotesi, la possibilità che a compiere questo ritratto sia stato lo stesso avvocato Repossi il quale, effigiandosi alla scrivania, circondato dai suoi libri e dal gruppo marmoreo di Angelica e Medoro, abbia voluto tramandare ai posteri la sua immagine di studioso e amante delle belle arti. Nell'archivio Biblioteca Morcelli (Fondo Ginnasio, b. 1), si conserva una lettera (23 febbraio 1929) di Giovanni Fogliata, presidente della Congregazione di Carità, indirizzata a Pier Giuseppe Lancini, bibliotecario della Morcelliana, con cui si accompagnano le seguenti tre opere perchè vengano esposte nella Pinacoteca: ritratto di Repossi (il dipinto qui catalogato); ritratto di don Faustino Bocchi (cfr. inv. n. D00060); ritratto di don Begni (cfr. inv. n. D00059).|| 
Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi 
Pietro Bartolomeo Repossi è raffigurato nel suo studio seduto dietro un tavolo, di tre quarti verso sinistra. Con le due mani tiene un foglio manoscritto che stava leggendo. Sul tavolo sono appoggiati un calamaio a sinistra, e alcuni libri (di cui uno aperto) a destra. Alle sue spalle si vedono: a sinistra la statua di Angelica e Medoro conservata nella Pinacoteca Repossi (cfr. statua S000**) e a destra una libreria piena di libri 
Chiari (BS) 
proprietà privata 
Ritratto dell'avvocato Pietro Bartolomeo Repossi 
olio su tela 
bibliografia specifica: Maggi D - 2003/2004 
bibliografia specifica: Terraroli V - 1991 
bibliografia di confronto: Mombelli A - 2004 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here