Maggio e Giugno (decorazione plastico-pittorica) by Giulio Romano, Giulio Romano (bottega), Scultori Giovanni Battista detto Giovanni Battista Mantovano, Viani, Antonio Maria (cerchia) (secc. XVI/ XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0303267712-2_10 an entity of type: CulturalPropertyComponent

decorazione plastico-pittorica, parete sud, seconda campata Maggio e Giugno
Maggio e Giugno (decorazione plastico-pittorica) di Giulio Romano, Giulio Romano (bottega), Scultori Giovanni Battista detto Giovanni Battista Mantovano, Viani, Antonio Maria (cerchia) (secc. XVI/ XVII) 
Maggio e Giugno (decorazione plastico-pittorica) by Giulio Romano, Giulio Romano (bottega), Scultori Giovanni Battista detto Giovanni Battista Mantovano, Viani, Antonio Maria (cerchia) (secc. XVI/ XVII) 
decorazione plastico-pittorica 
Apparato plastico-pittorico murale compreso tra coppia di paraste e cornicione, inquadrante una finestra 
1538-ca 1612 
0303267712-2.10 
decorazione plastico-pittorica 
03267712 
03 
0303267712 
La campata è parte dell'originaria loggia giuliesca (1538-1539) ma ha subito sostanziali aggiunte a seguito della trasformazione dell'ambiente in galleria: come testimoniato dal rilievo di Andreasi (1567 ca.), grandi finestre occupavano tutto lo spazio interno dell'arco, poi in parte tamponato per ricavarvi finestre più piccole; pertanto, la lunetta dipinta con nicchia circolare e l'apparato che inquadra la finestra (sguincio a finti marmi e laterali con girali vegetali e figurine monocrome alle estremità, con zoccolo a finti marmi) spettano alla fase decorativa di fine Cinquecento/ inizio Seicento (1595-1612 ca.). Il rilievo Andreasi evidenzia inoltre che a ridosso delle due paraste, su piccole mensole, poggiavano i busti degli imperatori Lucio Elio Vero (sinistra) e Lucio Vero Commodo (poi passati in Inghilterra nel 1627 e dispersi). Come nelle lunette soprastanti le porte della parete opposta, è qui collocata una nicchia circolare in stucco dorato pensata come sfondo per un busto (oggi ospita una testa in gesso, di recente collocazione): la affiancano due Vittorie con attributi; in esterno, gli spicchi tra arco e paraste ospitano due altorilievi in stucco raffiguranti giovani alati, il primo con bisaccia (Maggio), il secondo con spighe di grano (Giugno). Lo sguincio della finestra presenta una decorazione a finti marmi, variata alle due estremità inferiori dall'inserimento di due figurine monocrome su fondo scuro, imitanti piccoli rilievi in stucco, che richiamano i quattro inseriti nei laterali esterni: nello sguincio si riconoscono una Carità e una probabile Abbondanza, nei quattro riquadri esterni due putti seduti con armi, un tritone e una sirena bicaudata 
Maggio e Giugno 
parete sud, seconda campata 
48 A 98 31 
45 A 30 
23 I 22 
23 I 23 
Apparato plastico-pittorico murale compreso tra coppia di paraste e cornicione, inquadrante una finestra 
Mantova (MN) 
proprietà Stato 
Maggio e Giugno 
intonaco/ pittura a fresco 
stucco/ doratura 
stucco/ modellatura 
stucco/ pittura 
stucco/ modellatura a stampo 
bibliografia specifica: Cottafavi C - 1933 
bibliografia specifica: Berzaghi R - 1992 
bibliografia di corredo: Berzaghi R - 2003 
bibliografia di corredo: Giulio Romano - 1989 
bibliografia di corredo: Ragozzino M - 2003 
bibliografia di corredo: Valli L - 2014 
bibliografia specifica: Giulio Romano - 1992 
bibliografia specifica: Koering J - 2013 
bibliografia specifica: L'Occaso S - 2009 
bibliografia specifica: L'Occaso S - 2015 
bibliografia specifica: L'Occaso S - 2019 
bibliografia specifica: Hartt F - 1958 
bibliografia di corredo: L'Occaso S - 2014 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here