Soggetto assente (monumento ai caduti - a lapide, opera isolata) - ambito bresciano (primo quarto XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0303275036 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, a lapide, opera isolata, monumento ai caduti delle guerre d'Africa e della prima guerra mondiale Soggetto assente
Soggetto assente (monumento ai caduti - a lapide, opera isolata) - ambito bresciano (primo quarto XX) 
Soggetto assente (monumento ai caduti - a lapide, opera isolata) - ambito bresciano (primo quarto XX) 
monumento ai caduti delle guerre d'Africa e della prima guerra mondiale (monumento ai caduti a lapide) 
La lapide è fissata, per mezzo di 4 borchie in bronzo, nel muro interno a destra della parte antica del cimitero di Botticino Sera, a circa 1 metro da terra. Ha una forma a rettangolo, poggiante sul lato più corto, sorretta da due mensole. In queste 2 ultime sono stati fissati un portafiori e una lampada votiva a luce elettrica, entrambi in bronzo. Il lato superiore presenta una cimasa a timpano. Al di sotto di esso, su un'apposita lapide supplementare, vi è l'epigrafe dedicatoria. Indi, segue l'elenco dei 40 morti, in ordine cronologico di decesso. Per ognuno è specificato: cognome, nome, data di morte, e luogo preciso di decesso 
1920-1920 
0303275036 
monumento ai caduti a lapide 
03275036 
03 
0303275036 
La lapide fu inaugurata domenica 26 settembre 1920. Nella medesima occasione fu anche benedetta la bandiera della locale sezione dell'Unione Nazionale Reduci di Guerra. Oratore ufficiale della cerimonia fu don Cesare Bonini da Pedergnaga, ex cappellano militare di fanteria, che in quel tempo lavorava al ricupero delle salme dei caduti ed al riordino dei cimiteri di guerra alla fronte. L'epigrafe dedicatoria fu dettata dal poeta bresciano Angelo Canossi. Le località di decesso riportate nella lapide spesso sono dettagliate, forse perché tratte dagli atti di morte inviati - come di prammatica - dalle unità mobilitate o dal Ministero della Guerra al Comune, ma si notano svariati lapsus calami, specie per località di confine dal nome ostico o per paesi dell'impero austro-ungarico. Fonti e bibliografia: Da Botticino Sera. La festa in memoria dei caduti e in onore dei reduci, "Il Cittadino di Brescia", 3-10-1920 
Soggetto assente 
Soggetto assente 
La lapide è fissata, per mezzo di 4 borchie in bronzo, nel muro interno a destra della parte antica del cimitero di Botticino Sera, a circa 1 metro da terra. Ha una forma a rettangolo, poggiante sul lato più corto, sorretta da due mensole. In queste 2 ultime sono stati fissati un portafiori e una lampada votiva a luce elettrica, entrambi in bronzo. Il lato superiore presenta una cimasa a timpano. Al di sotto di esso, su un'apposita lapide supplementare, vi è l'epigrafe dedicatoria. Indi, segue l'elenco dei 40 morti, in ordine cronologico di decesso. Per ognuno è specificato: cognome, nome, data di morte, e luogo preciso di decesso 
Botticino (BS) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
Soggetto assente 
bronzo/ fusione 
marmo botticino 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here