Sesto mese del calendario lunare, giovane madre con infante (stampa a colori) by Utagawa Kunisada (sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500275424 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

stampa a colori, stampa di invenzione giovane madre con infante
Sesto mese del calendario lunare, giovane madre con infante (stampa a colori) di Utagawa Kunisada (sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX) 
Sesto mese del calendario lunare, giovane madre con infante (stampa a colori) by Utagawa Kunisada (sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX, sec. XIX) 
Sesto mese del calendario lunare, giovane madre con infante (stampa a colori) 
Figure: giovane madre; bambina. Oggetti: tinozza; secchio; mestolo; zoccoli; lanterna; lanternino; gabbietta. Animali: lucciole 
ca 1827-ca 1842 
0500275424 
stampa a colori stampa di invenzione 
00275424 
05 
0500275424 
Il nome minazuki significa "mese senza acqua", poiché in questo mese in Giappone le piogge sono scarse. Gli avvenimenti di maggior rilievo erano le feste estive, tra cui erano famose a Edo (Tokyo) i sanno matsuri e tenno matsuri. Durante queste feste, numerosi carri decorati con fiori, eseguiti da cantanti e danzatori, come raffigurato nella lanterna in alto a destra, percorrevano le vie della città. Il sesto mese era anche il periodo della caccia alle lucciole, la cui origine risale al periodo Heian (782-1184), che nel periodo Edo (1615-1868) diventò un divertimento del popolo. Specialmente verso la fine di questo periodo i posti più famosi per le lucciole a Edo erano Oji, Yanaka, Otaruzawa, Negishi ecc. Per la serie cfr. la scheda inv. n. 11021 B 
giovane madre con infante 
Sesto mese del calendario lunare 
Figure: giovane madre; bambina. Oggetti: tinozza; secchio; mestolo; zoccoli; lanterna; lanternino; gabbietta. Animali: lucciole 
Venezia (VE) 
proprietà Stato 
giovane madre con infante, Sesto mese del calendario lunare 
carta/ xilografia 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here