Madonna annunciata (dipinto, pendant) by De' Pitati Bonifacio detto Bonifacio Veronese (attribuito) (metà sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500401170 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, pendant Madonna annunciata
Madonna annunciata (dipinto, pendant) by De' Pitati Bonifacio detto Bonifacio Veronese (attribuito) (metà sec. XVI) 
Madonna annunciata (dipinto, pendant) di De' Pitati Bonifacio detto Bonifacio Veronese (attribuito) (metà sec. XVI) 
ca 1543-ca 1544 
Soggetti sacri: Annunciazione. Figure: Vergine annunciata. Architetture: i nterno di camera con letto a baldacchino; leggio; finestra aperta 
dipinto (pendant) 
943 
00401170 
05 
0500401170 
Con L'angelo annunciante (inv. 942) formavano originariamente un un ico dipinto a tre arcate, comprendente anche il "Padre eterno", decurtato ed esposto separatamente nelle Gallerie (inv. n. 917). La manomissione avv enne in epoca imprecisata, ma dopo il 1808, quando nell' "Elenco degli ogg etti di Belle Arti scelti a disposizione di S.A.I. Eugenio Napoleone" veni va ancora indicato come un pezzo solo (Moschini Marconi 1962). Il trittico era stato restaurato anche nel 1782 sotto la direzione dello stesso Edwar ds. Si trovava originariamente nel Magistrato della Camera degli Imprestid i nel Palazzo dei Camerlenghi a Rialto, sulla parete a destra entrando, di fronte alla "Moltiplicazione dei pani" (Gallerie, inv. n. 1293), con ai l ati i "Santi Pietro e Antonio da Padova" (Gallerie, inv. n. 1261) e "Domen ico, Faustino e Alessandro", perduto, della bottega di Bonifacio. Il compl esso fu trasferito a Vienna dal 1816 al 1919; dopo la restituzione i tre p ezzi furono esposti alle Gallerie, l' "Angelo annunciante" e la "Vergine" fino al 1988. Secondo il Ludwig (1901 e 1903) dovrebbe essere stato esegui to per conto di un gruppo di magistrati usciti di carica tra l'1 e il 17 d icembre 1544. Effettivamente nella parte centrale dove è raffigurata una v eduta parziale di piazza San Marco, è già presente la Loggetta, compiuta d al Sansovino nel 1540, anno che diventa quindi il termine post quem per la datazione dell'opera, che dovrebbe essere stata realizzata appunto verso il 1543-44. La Westphal (1931) ha individuato nel1'incisione di Marcantoni o Raimondi dell'"Annunciazione" di Raffaello il modello per la composizion e. Tuttavia vi sono anche altre suggestioni, ad esempio dall'"Annunciazion e" tizianesca della Scuola di San Rocco. Non è chiaro il significato del s oggetto nel contesto della Camera degli Imprestidi, praticamente una banca di Stato, forse in rapporto con una particolare devozione per la Vergine dei funzionari in carica. Purtroppo ogni considerazione sui dipinti è cond izionata oggi dalle manomissioni subite e dal grave depauperamento della s uperficie. Ciononostante tutte e tre le parti appaiono realizzate con raff inata scioltezza pittorica 
Madonna annunciata 
Soggetti sacri: Annunciazione. Figure: Vergine annunciata. Architetture: i nterno di camera con letto a baldacchino; leggio; finestra aperta 
Madonna annunciata 
Venezia (VE) 
0500401170 
dipinto 
proprietà Stato 
tela/ pittura a olio 
bibliografia specifica: Moschini Marconi S - 1962 
bibliografia di confronto: Humfrey P./ Holt S - 1995 
bibliografia di confronto: Bohde D - 2001 
bibliografia specifica: Colosio G - 2002 
bibliografia specifica: Cottrel P - 2000 
bibliografia specifica: Faggin G.T - 1963 
bibliografia specifica: Huttinger E - 1997 
bibliografia specifica: Nepi Scire' - 1988 
bibliografia specifica: Nepi Scire' G - 1995 
bibliografia specifica: Nepi Scire'G - 1998 
bibliografia specifica: Pedrocco F - 2001 
bibliografia specifica: Puppi L - 1982 
bibliografia specifica: Rosand D - 1984 
bibliografia specifica: Sinding S./ Larsen C - 1974 
bibliografia specifica: Nepi Scire' G./ Valcanover F - 1985 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here