allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - ad obelisco, opera isolata) by Loro Albino, Ditta Faruffini e C (primo quarto sec. XX, sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500405695 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, ad obelisco, opera isolata, monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale allegoria della morte del soldato
allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - ad obelisco, opera isolata) di Loro Albino, Ditta Faruffini e C (primo quarto sec. XX, sec. XX) 
allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - ad obelisco, opera isolata) by Loro Albino, Ditta Faruffini e C (primo quarto sec. XX, sec. XX) 
monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale (monumento ai caduti ad obelisco) 
Il monumento, realizzato in bronzo e in marmo di S. Ambrogio, si colloca entro un’area di rispetto delimitata da una bassa zoccolatura marmorea con quattro grandi proiettili agli angoli, che sorreggono una catena. È composto da una piramide quadrangolare poggiante su di un basamento a pianta quadrata, che superiormente si articola in una croce, e da un gruppo di nudi maschili in bronzo, addossato alla piramide, rappresentante il genio latino che con una mano sorregge il fante moribondo e con l’altra incide il motto “Pro Patria”, davanti alla bandiera. Sulla sommità dell’obelisco, entro campi delimitati superiormente da applicazioni geometriche in bronzo e inferiormente da tre linee orizzontali incise che ospitano piccole corone bronzee con pugnali nel mezzo, sono iscritti i nomi dei Caduti nella I guerra mondiale, al di sotto, eccetto che nel lato rivolto verso la chiesa, trova posto l’elenco dei morti nella II guerra mondiale. Verso est è stata collocata una lapide in memoria dei Caduti nelle missioni internazionali di pace, mentre un’ulteriore iscrizione, a ricordo dei bersaglieri, giace a terra appoggiata al gradino del monumento 
1923-1923 
post 1945-ante 1964 
0500405695 
monumento ai caduti ad obelisco 
00405695 
05 
0500405695 
Il monumento fu inaugurato il 29 aprile 1923 ed è opera di Albino Loro, il quale si avvalse di due modelli d’eccezione: Augusto Zerbini, la figura con il pugnale, e Italo Coloni, che posarono nello scantinato delle scuole (“L’Adige”, 30-4-1923; Avanzini, Joppi 2000, pp. 94-96). Scrive il figlio dell’artista, Cesco Romeo Loro, che “la catena e i proietti sono cimeli di significativo valore storico. Mio padre poté rilevare la catena dall’Arsenale della R. Marina a Pola grazie all’interessamento di alti ufficiali dello Stato Maggiore, amici suoi e del nostro paese, di leva marinara. Si tratta della catena dell’ancora di una delle più potenti “dreadnoughts” (super corazzate) della R. I. Flotta Austriaca e precisamente la Tegethof che partecipò all’ultima azione bellica il 10 giugno 1918: uscita colla gemella Santo Stefano per forzare coll’imponente flottiglia di scorta lo sbarramento d’Otranto, venne intercettata da due MAS del comandante Rizzo e costretta a ritornare a Pola. La S. Stefano, come si sa, venne colata a picco. Mio padre considerò proietti e catena elementi integranti del monumento e li collocò in maniera di dar loro opportuno risalto anche prospettico” (Avanzini, Joppi 2000, p. 97). L’elenco dei Caduti della seconda guerra mondiale è già registrato nel 1964 (Cipriani 1964, p. 22). Foto storiche sono edite in Avanzini, Joppi 2000, pp. 95-96, mentre cartoline del monumento riferibili al primo dopoguerra si conservano al Museo Civico del Risorgimento di Bologna e al Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto. Avanzini, Joppi 2000 = G. Avanzini, S. Joppi, Bardolino. Immagini del Novecento, 2000. Cipriani 1964 = F. Cipriani, Bardolino, Verona 1964 
allegoria della morte del soldato 
44A51(ITALIA)(+2) : 5(+12) : 45B(+1) : 31A27331 : 31E23(+3) : 49L11 : 31B71 : 96A43 
Il monumento, realizzato in bronzo e in marmo di S. Ambrogio, si colloca entro un’area di rispetto delimitata da una bassa zoccolatura marmorea con quattro grandi proiettili agli angoli, che sorreggono una catena. È composto da una piramide quadrangolare poggiante su di un basamento a pianta quadrata, che superiormente si articola in una croce, e da un gruppo di nudi maschili in bronzo, addossato alla piramide, rappresentante il genio latino che con una mano sorregge il fante moribondo e con l’altra incide il motto “Pro Patria”, davanti alla bandiera. Sulla sommità dell’obelisco, entro campi delimitati superiormente da applicazioni geometriche in bronzo e inferiormente da tre linee orizzontali incise che ospitano piccole corone bronzee con pugnali nel mezzo, sono iscritti i nomi dei Caduti nella I guerra mondiale, al di sotto, eccetto che nel lato rivolto verso la chiesa, trova posto l’elenco dei morti nella II guerra mondiale. Verso est è stata collocata una lapide in memoria dei Caduti nelle missioni internazionali di pace, mentre un’ulteriore iscrizione, a ricordo dei bersaglieri, giace a terra appoggiata al gradino del monumento 
Bardolino (VR) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
allegoria della morte del soldato 
bronzo 
marmo rosso di Verona 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here