allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - a colonna) by Mistruzzi Aurelio, Industria Marmi Vicentini (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500406268 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, a colonna, Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale
monumento ai caduti, a colonna, Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale allegoria della morte del soldato
allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - a colonna) by Mistruzzi Aurelio, Industria Marmi Vicentini (sec. XX) 
allegoria della morte del soldato (monumento ai caduti - a colonna) di Mistruzzi Aurelio, Industria Marmi Vicentini (sec. XX) 
Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale (monumento ai caduti a colonna) 
All'angolo del Palazzo del Doglione di Marostica è addossata una colonna, sul cui fusto è incastonata la lapide con i nomi dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Un basamento in marmo rosso, ravvivato da un cordone bronzeo di rami di alloro intrecciati, sostiene il fusto della colonna centrale, affiancato da due ali laterali con le lapidi dei caduti e dei dispersi della Seconda Guerra Mondiale. Il capitello della colonna è ornato da un festone bronzeo a reggere una cornice sagomata, sporgente, su cui appoggia il gruppo scultoreo raffigurante una Vittoria alata che sostiene il corpo abbandonato di un caduto, spoglio, col solo gladio ancora stretto nella mano destra 
ca 1926-ca 1926 
0500406268 
monumento ai caduti a colonna 
00406268 
05 
0500406268 
Per onorare i caduti di Marostica il Comitato pro-monumento nato nel 1921, sostenuto dall'Associazione Smobilitati, bandì un primo concorso nell'aprile 1922 per la progettazione del monumento. Solo un secondo concorso, nell'autunno dello stesso anno, decretò vincente la proposta dello scultore Aurelio Mistruzzi, giudicata dalla commissione formata dallo scultore Urbano Nono, dal pittore Guido Cadorin, dal prof. Paolo Tua, dal soprintendente Max Ongaro e dall'ingegnere Giovanni Tescari. Il basamento in marmo venne realizzato dalla ditta Industria Marmi Vicentini. Nel 1926 il monumento risultava in opera (G. Poletto, Cenni illustrativi del Comitato pro erigendo Monumento ai Caduti in Marostica, Marostica 1926) 
allegoria della morte del soldato 
45B(+1) : 31E23(+3) : 5(+2) 
All'angolo del Palazzo del Doglione di Marostica è addossata una colonna, sul cui fusto è incastonata la lapide con i nomi dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Un basamento in marmo rosso, ravvivato da un cordone bronzeo di rami di alloro intrecciati, sostiene il fusto della colonna centrale, affiancato da due ali laterali con le lapidi dei caduti e dei dispersi della Seconda Guerra Mondiale. Il capitello della colonna è ornato da un festone bronzeo a reggere una cornice sagomata, sporgente, su cui appoggia il gruppo scultoreo raffigurante una Vittoria alata che sostiene il corpo abbandonato di un caduto, spoglio, col solo gladio ancora stretto nella mano destra 
Marostica (VI) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
allegoria della morte del soldato 
marmo  bronzo 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here