figura di soldato: fante (monumento ai caduti - a cippo) by Pozza Ugo (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500406270 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, a cippo, Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale
monumento ai caduti, a cippo, Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale figura di soldato: fante
figura di soldato: fante (monumento ai caduti - a cippo) by Pozza Ugo (sec. XX) 
figura di soldato: fante (monumento ai caduti - a cippo) di Pozza Ugo (sec. XX) 
Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale (monumento ai caduti a cippo) 
Un basso basamento quadrangolare funge da piano di appoggio dell'ammasso rustico di rocce che compone il monumento: grossi massi squadrati sovrapposti salgono a gradoni a formare una sorta di tronco di piramide, mentre la parte centrale si innalza poi diritta a parallelepipedo. Su questo la figura bronzea del fante di vedetta: il piede sinistro appoggiato su un sasso fa leggermente sbilanciare la figura che si appoggia al fucile a baionetta, la mantella sulle spalle, l'elmetto calcato in testa, mentre scruta l'orizzonte. Ai lati del cippo centrale sono incastonate fra le pietre le lapidi recanti i nomi dei caduti, mentre alla loro base, sui gradoni inferiori, sono state aggiunte le targhe lapidee a commemorazione dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Il monumento è cinto da una fascia di bassa siepe decorativa, tra fusti di bombe legati da catene, agli angoli 
1926-1927 
0500406270 
monumento ai caduti a cippo 
00406270 
05 
0500406270 
La posa della prima pietra avvenne il 13 maggio 1926 a cura del Comitato Combattenti (Il Monumento ai Caduti, in "La Provincia di Vicenza", 14 maggio 1926) mentre il monumento è stato inaugurato il 15 maggio 1927 (Inaugurazione del Monumento ai Caduti, in "Vedetta Fascista", 13 maggio 1927; Con una solenne cerimonia Montecchio Prec. inaugura il Monumento ai suoi 70 Caduti, in "Vedetta Fascista", 17 maggio 1927; G. Menato, Le arti figurative del Novecento fino agli anni Sessanta, in Storia di Vicenza, IV/2, L'età contemporanea, a cura di F. Barbieri, G. De Rosa, Vicenza 1993, p. 144; G. Menato, Le piccole-grandi statue di Ugo Pozza, in "Nuova Vicenza", 28 agosto 1988; N. Pozza, Sculture di Ugo Pozza. 1882-1945, Vicenza 1988, fig. 9) 
figura di soldato: fante 
45B : 45D313(+21) 
Un basso basamento quadrangolare funge da piano di appoggio dell'ammasso rustico di rocce che compone il monumento: grossi massi squadrati sovrapposti salgono a gradoni a formare una sorta di tronco di piramide, mentre la parte centrale si innalza poi diritta a parallelepipedo. Su questo la figura bronzea del fante di vedetta: il piede sinistro appoggiato su un sasso fa leggermente sbilanciare la figura che si appoggia al fucile a baionetta, la mantella sulle spalle, l'elmetto calcato in testa, mentre scruta l'orizzonte. Ai lati del cippo centrale sono incastonate fra le pietre le lapidi recanti i nomi dei caduti, mentre alla loro base, sui gradoni inferiori, sono state aggiunte le targhe lapidee a commemorazione dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Il monumento è cinto da una fascia di bassa siepe decorativa, tra fusti di bombe legati da catene, agli angoli 
Montecchio Precalcino (VI) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
figura di soldato: fante 
marmo  bronzo  pietra 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here