lapide commemorativa ai caduti - ambito vicentino (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500406410 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

lapide commemorativa ai caduti, Lapide commemorativa ai caduti della prima guerra mondiale
lapide commemorativa ai caduti - ambito vicentino (sec. XX) 
lapide commemorativa ai caduti - ambito vicentino (sec. XX) 
Lapide commemorativa ai caduti della prima guerra mondiale (lapide commemorativa ai caduti) 
Lapide rettangolare incisa, con cornice portafoto di forma ovale nell'angolo in alto a sinistra 
ca 1951-1951/08/26 
0500406410 
lapide commemorativa ai caduti 
00406410 
05 
0500406410 
L’Ossario militare di Monte Cimone fu realizzato su iniziativa di un comitato costituitosi nel 1927, sotto la direzione del podestà di Vicenza Antonio Franceschini. Il progetto venne affidato all’ingegnere e architetto Thom Cevese; l’inaugurazione avvenne il 28 settembre 1929 alla presenza del principe ereditario Umberto di Savoia (Giornale Luce A0442, settembre 1929, “Visite e inaugurazioni di S.A.R. il Principe Umberto”). Il monumento sorge sulla cima del Monte Cimone, a 1226 metri s.l.m., ed è in parte ricavato all’interno del cratere provocato dalla mina austro-ungarica che, il 23 settembre del 1916, uccise l'intera Brigata Sele, provocando 1210 morti tra i soldati italiani. Una lunga scalinata conduce al sacello, realizzato sopra un alto basamento che costituisce il vero e proprio ossario, su cui si apre un arco quadrifronte. Al centro poggia un altare in pietra, ricavato da un masso saltato nell’esplosione. La copertura è costituita da un’ardita cuspide, conclusa da una croce apicale. Sui prospetti interni ed esterni dell’Ossario sono affisse diverse lapidi commemorative; altre si trovano a lato dello spiazzo che anticipa la scalinata a testimonianza del luogo dove vennero scavate le prime tombe dei soldati caduti. La lapide qui analizzata è dedicata alla memoria dell’alpino Nicolò Fontana, caduto il 23 luglio 1916, e ricordato dall’epigrafe fatta collocare il 26 agosto 1951 sul prospetto posteriore dell’Ossario, all’inizio della seconda rampa di scale. (Bibl.: Ministero della Difesa, Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra (a cura di), "Sacrari militari della prima guerra mondiale. Asiago Pasubio", Roma 1982, p. 79; L. Bregantin, “Per non morire mai: la percezione della morte in guerra e il culto dei caduti nel primo conflitto mondiale”, Padova 2010, pp. 259-260.) 
soggetto assente 
Lapide rettangolare incisa, con cornice portafoto di forma ovale nell'angolo in alto a sinistra 
Tonezza del Cimone (VI) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
Lapide commemorativa ai caduti della prima guerra mondiale 
marmo 
lega metallica 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here