stemmi gentilizi (rilievo, opera isolata) - ambito veneziano (ultimo quarto sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500577375 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

rilievo, opera isolata stemmi gentilizi
stemmi gentilizi (rilievo, opera isolata) - ambito veneziano (ultimo quarto sec. XVIII) 
stemmi gentilizi (rilievo, opera isolata) - ambito veneziano (ultimo quarto sec. XVIII) 
rilievo (opera isolata) 
scudi gentilizi ovali definiti da cornice accartocciata 
post 1789-ante 1789 
0500577375 
rilievo 
00577375 
05 
0500577375 
il rilievo in esame rappresenta uno degli esempi veneziani di "soaza" (cornice) raffigurante i tre stemmi dei Provveditori di Comun con le quali la Repubblica era solita contrassegnare i ponti di pubblica ragione. Questo, insieme al leone marciano, in origine scolpito secondo Rizzi (2001) sul lato opposto del ponte era, infatti, il simbolo che li distingueva dai ponti privati. I Provveditori di Comun erano tre ed avevano l'incarico di seguire i lavori e le manutenzioni relative ai pozzi, alle strade, alle fondamenta e ai ponti. Dalla partizione, i primi due stemmi, possono essere attribuiti alle famiglie Bernardo e Marcello, che compaiono tra le famiglie patrizie esistenti a Venezia nel 1706 e i cui stemmi sono illustrati nel "Blasone Veneto" di Coronelli. Il terzo stemma, invece, a causa dell'avanzato stato di degrado non essendo leggibile in tutte le sue parti non è ricollegabile con esattezza ad alcuna famiglia. Secondo le notizie riportate da Zucchetta (1992) il "ponte de la Scoazzera" fu realizzato nel 1789, così come si presenta oggi, a sostituzione di uno in legno. L'origine del nome deriva dalla "scoazzera", ossia il luogo murato senza tetto dove venivano raccolte le immondizie (in veneziano scoazze), che pare si trovasse nei pressi del ponte. Diverse erano comunque, le zone in città destinate alla raccolta delle spazzature che secondo le "Curiosità Veneziane" di Tassini furono istituite nel XV o XVI secolo con lo scopo di mantenere pulite le strade, e per impedire che le immondizie fossero gettate nei canali. L'organo preposto alla vigilanza era il Magistrato alle Acque, per conto del quale operavano i cosiddetti "Nettatori dei Sestieri". I "burchieri" o "burchiellanti" erano, invece, coloro che si occupavano di trasportare le immondizie fuori da Venezia 
stemmi gentilizi 
46 A 12 2 (BERNARDO) 1 : 46 A 12 2 (MARCELLO) 1 
scudi gentilizi ovali definiti da cornice accartocciata 
Venezia (VE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
stemmi gentilizi 
pietra d'Istria 
bibliografia di confronto: Tassini G - 1970 
bibliografia specifica: Comune di Venezia - 1905 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1996 
bibliografia specifica: Rizzi A - 2001 
bibliografia specifica: Zucchetta G - 1992 
bibliografia di confronto: Coronelli V. M - 2003 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here