santo (statua, opera isolata) - produzione veneta (secoli XVI-XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500640563 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

statua, opera isolata santo
santo (statua, opera isolata) - produzione veneta (secoli XVI-XVII) 
santo (statua, opera isolata) - produzione veneta (secoli XVI-XVII) 
statua (opera isolata) 
la statua, a figutra intera, raffigura uomo con folta barba, lunga tunica e mantello 
(?) 1500-(?) 1699 
0500640563 
statua 
00640563 
05 
0500640563 
la statua risale, secondo la maggior parte della critica d'arte, ai secoli XVI-XVII. Non è dato sapere chi raffiguri a causa della mancanza di elementi significativi di identificazione: " [...] Santi, protettori particolarissimi di varie attività umane, curatori di malattie, allontanatori di eventi negativi. Ogni santo è caratterizzato vivacemente da elementi di riconoscimento: abiti, oggetti, atteggiamenti o animali non lasciano dubbi al fedele, che si indirizza al patrono senza esitazioni o equivoci. [...] Il 'codice di identificazione' dei santi, definito dalla devozione e dall'arte lungo un percorso millenario rimasto sostanzialmente immutato dal Medioevo in avanti, al punto da superare brillantemente anche le difficoltà create dall'iconoclastia dello scisma protestante e dalle nuove sollecitazioni della Controriforma, accomuna la cultura popolare e i capolavori più sofisticati: è un linguaggio comune per l'intera Europa, senza distinzioni sociali o intellettuali. Verso la metà del Settecento, però, il concetto di ' Biblia pauperum', il racconto per immagini dei fatti e dei personaggi delle Scritture e della devozione su cui si basa gran parte dell'arte occidentale, entra in rotta di collisione con altre forme di comunicazione visiva." (Giorgi, 2004); lo storico d'arte Niero (1972) la identifica con Sant'Antonio abate (quest'ultimo santo di solito è vestito da eremita, recante un bastone a forma di T, una campanella ed è accompagnato da un maiale). La denominazione della fondamenta sulla quale si affaccia la statua deriva dall'argine (arzere) di S. Marta che un tempo si costruì per difendere il territorio dalla corrosione dell'acqua marina 
santo 
31 A 
la statua, a figutra intera, raffigura uomo con folta barba, lunga tunica e mantello 
Venezia (VE) 
santo 
pietra 
bibliografia di confronto: Tassini G - 1970 
bibliografia specifica: Comune di Venezia - 1905 
bibliografia specifica: Rizzi A - 1987 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1966 
bibliografia specifica: Niero A./ Musolino G./ Tramontin S - 1972 
bibliografia di confronto: Gatto Trocchi C - 2004 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here