vera da pozzo, opera isolata - ambito veneziano (sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500640660 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

vera da pozzo, opera isolata
vera da pozzo, opera isolata - ambito veneziano (sec. XVI) 
vera da pozzo, opera isolata - ambito veneziano (sec. XVI) 
vera da pozzo (opera isolata) 
vera costituita da fusto cilindrico con sovrapposto elemento quadrato con quattro archetti pensili a tutto sesto e con unghie agli angoli. Su settori opposti, di epoca successiva e di materiale differente, sono stati aggiunti un volto di putto con foro sulla bocca, dove probabilmente vi usciva una canna di fontana, e un rilievo oggi non leggibile a causa dello stato di degrado. La parte superiore del basamento quadrato si trova oggi alla stessa quota della pavimentazione 
post 1500-ante 1599 
0500640660 
vera da pozzo 
00640660 
05 
0500640660 
considerata dalla bibliografia specifica opera del XVI secolo, non si esclude che la vera da pozzo in esame possa essere più antica. Sotto l'aspetto stilistico, i fusti di questo tipo, cilindrici con sovrapposti elementi quadrati ad archetti sporgenti e angoli scantonati, appartengono al Trecento (Arslan, 1970). Tuttavia, Rizzi (1992) osserva che questo modello, definito "tradizionale" fu utilizzato, soprattutto nella Venezia minore, in diverse varianti fino a tutto il Cinquecento. Il volto e il rilievo, in pietra tenera (o pietra artificiale) furono aggiunte successivamente, probabilmente quando, come in tanti puteali pubblici della città, furono aggiunte le canne di fontana collegate direttamente all'acquedotto. Non sono emerse notizie sull'origine della vera che, per la presenza di due caditoie opposte, sembra trovarsi sopra una cisterna vera e propria, tuttavia si ricorda che l'edificio fu fatto costruire da Angelo Busetto Bubba, commerciante veneziano, nella seconda metà dell'Ottocento, quindi in epoca più recente. Qui Busetto raccolse ed espose una piccola raccolta di antichità (Favaretto, 1990), e sembra, secondo il noto elenco del Comune del 1905, che nella proprietà vi fosse più di una vera da pozzo 
92 D 19 16 
vera costituita da fusto cilindrico con sovrapposto elemento quadrato con quattro archetti pensili a tutto sesto e con unghie agli angoli. Su settori opposti, di epoca successiva e di materiale differente, sono stati aggiunti un volto di putto con foro sulla bocca, dove probabilmente vi usciva una canna di fontana, e un rilievo oggi non leggibile a causa dello stato di degrado. La parte superiore del basamento quadrato si trova oggi alla stessa quota della pavimentazione 
Venezia (VE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
vera da pozzo 
pietra d'Istria 
pietra tenera o artificiale 
bibliografia di confronto: Rizzi A - 1992 
bibliografia specifica: Comune di Venezia - 1905 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1996 
bibliografia di confronto: Arslan E - 1970 
bibliografia di confronto: Favaretto I - 1990 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here