leone marciano (rilievo, pendant) - ambito veneziano (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500640749 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

rilievo, pendant leone marciano
leone marciano (rilievo, pendant) - ambito veneziano (sec. XX) 
leone marciano (rilievo, pendant) - ambito veneziano (sec. XX) 
rilievo (pendant) 
leone nimbato con muso frontale reggente verso il lato sinistro libro aperto con motto tradizionale, definito da cornice a listello piatto 
post 1922-ante 1943 
0500640749 
rilievo 
00640749 
05 
0500640749 
su tutti gli edifici di proprietà comunale, compresi gli edifici scolastici, tra il 1922 e il 1943, ossia nel così detto "ventennio fascista", furono murati ai lati delle porte d'ingresso delle coppie di rilievi raffiguranti: il leone marciano in moleca, come simbolo di venezianità, da un lato ed il fascio littorio, come simbolo del governo politico, dall'altro. Il palazzo, considerato dalla bibliografia specifica opera del XVI secolo, appartenne ai discendenti della famiglia Dona' fino al 1847, per passare poi di proprietà alla famiglia Charmet, e solo pochi anni dopo, il 12 maggio 1869, al Comune di Venezia, che lo acquistò con asta pubblica e lo adibì ad uso scolastico. Si ricorda che i leoni marciani lapidei fino al crollo della Repubblica, erano onnipresenti su edifici principalmente pubblici, su chiese e campanili, su ponti, vere da pozzo e pili di bandiera. Solo nel 1797, con un decreto della Municipalità provvisoria essendo considerati come stemmi o indicazioni del passato Governo furono scalpellati. Il leone fu assunto nel concetto cristiano-veneziano a simbolo della forza generalmente in una funzione di lotta al pari dell'aquila e del predominio. Concetto che si estese nel simbolo religioso, attribuito all'evangelista Marco. Protettore di Venezia dopo San Teodoro, quando questo divenne l'emblema unico ufficiale di Venezia e della Repubblica. I tipi principali di leone marciano sono due: in "moleca" (in dialetto veneziano il granchio quando diventa molle per il cambio del guscio) e "andante". Il primo, come quello in esame, è definito anche in soldo o in gazzetta, dalla zecca, in quanto nomi delle monete su cui si usava stamparlo. Il secondo, come evidenzia Rizzi, definito inesattamente anche passante o gradiente in quanto il leone sta immobile sulle tre zampe e con la quarta sul libro. Sempre Rizzi, scrive che il leone in "moleca" sia associato al granchio più che per la struttura rotondeggiante del guscio e per la forma delle ali spiegate, sempre a ventaglio che facevano ricordare le chele, anche per il carattere anfibio. Il leone, infatti, come la Repubblica Veneziana, sorge dalle acque, a volte col solo busto, altre con tutto il corpo, salvo le zampe posteriori e la coda. Tuttavia dal Cinquecento in poi, sull'influenza probabilmente delle monete, la raffigurazione dell'acqua fu tanto schematizzata da ridursi a una grossa virgola, tendendo in seguito a scomparire del tutto così che il simbolo marciano si trovò racchiuso entro un immaginario cerchio formato dalle ali stesse del leone. Non mancano tuttavia le varianti 
leone marciano 
11 I 42 3 
leone nimbato con muso frontale reggente verso il lato sinistro libro aperto con motto tradizionale, definito da cornice a listello piatto 
Venezia (VE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
leone marciano 
pietra d'Istria/ scultura 
bibliografia di confronto: Comune di Venezia - 1905 
bibliografia di confronto: Rizzi A - 1987 
bibliografia di confronto: Rizzi A - 2001 
bibliografia specifica: Rizzi A - 2001 
bibliografia di confronto: Brusegan M - 2006 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here