uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli (formella, serie) - ambito veneziano (sec. XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500641037 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

formella, serie uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli
uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli (formella, serie) - ambito veneziano (sec. XX) 
uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli (formella, serie) - ambito veneziano (sec. XX) 
formella (serie) 
rilievo raffigurante coppie di uccelli, a controdorso e affrontati, posti a vari livelli di un albero, intenti a mangiarne i frutti. Uno sta sulla sommità. Definito da doppia cornice a listello piatto, a rosette e a dentelli doppi nella parte più esterna 
post 1926-ante 1929 
0500641037 
formella 
00641037 
05 
0500641037 
riproduzione moderna di scultura veneto-bizantina integrata nel contesto di villa Hériot, esempio di architettura eclettica veneziana che vede una commistione di ornati tardo antichi, bizantini, mediorientali, romanici, gotici e rinascimentali. Insieme a numerosi altri rilievi, murati su tutti i prospetti dell'edificio, rispecchia il gusto per il collezionismo di opere antiche, caratteristico della fine del XIX secolo e dei primi decenni del secolo successivo. Sculture con raffigurazioni animalistiche di questo tipo furono murate, tra il XII e il XIII secolo, sia sulle facciate dell'edilizia religiosa veneziana che, in numero maggiore, in quella civile. Insieme alle patere, di formato tondo, e alle croci, sempre lavorate a rilievo, le formelle assumevano sulle mura di casa un valore apotropaico, ossia di oggetti capaci di prevenire l'ingresso del maligno. Presentando però una superficie figurativa più ampia rispetto a quella delle patere, esse lasciano spazio ad un numero maggiore di soggetti che vanno a disporsi nel senso verticale. Nel 1937, in un saggio, Marzemin osservava che il significato delle figurazioni animalistiche, poi divenute tipiche, assunse uno specifico valore civile e religioso nella concezione della vita di tutto il popolo veneziano. L'albero ricco di frutti rappresenta l'albero della vita che ne porta uno ad ogni mese per la salvezza degli uomini. È anche allegoria dei meriti acquistati mediante una vita pura e quindi anche dei doni del paradiso. La base triforme forse allude alla Trinità. Le colombe sono simbolo di umili virtù, di fede, di santità e di candore spirituale. Gesù si raffigurò nella vite e i grappoli, destinati agli eletti, rappresentano le gioie del cielo. Spesso l'albero della vita produce pigne, come quella raffigurata nella parte centrale, simbolo di fertilità 
uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli 
25 F 3 (+1) : 25 G 3 (+34) 
rilievo raffigurante coppie di uccelli, a controdorso e affrontati, posti a vari livelli di un albero, intenti a mangiarne i frutti. Uno sta sulla sommità. Definito da doppia cornice a listello piatto, a rosette e a dentelli doppi nella parte più esterna 
Venezia (VE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
uccelli, albero, motivi decorativi a rosette e a dentelli 
pietra/ scultura 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1996 
bibliografia di confronto: Dorigo W - 2003 
bibliografia di confronto: Marzemin G - 1937 
bibliografia di confronto: Rizzi A - 1987 
bibliografia di confronto: Rota L./ Semi F - 1987 
bibliografia specifica: Rizzi A - 1987 
bibliografia specifica: Swiechowski Z./ Rizzi A./ Hamann-Mac Lean R - 1982 
bibliografia di confronto: Piamonte G - 1992 
bibliografia specifica: Rizzi A - 2014 
bibliografia di confronto: F. Basaldella - 1986 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here