araldica (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (fine/ inizio secc. XVII-XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500641080 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

rilievo, opera isolata araldica
araldica (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (fine/ inizio secc. XVII-XVIII) 
araldica (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (fine/ inizio secc. XVII-XVIII) 
rilievo (opera isolata) 
entro comparto rettangolare, sovrastato da timpano, grande stemma patriarcale e iscrizione 
(?) 1591-(?) 1560 
0500641080 
rilievo 
00641080 
05 
0500641080 
il grande rilievo raffigura lo stemma di Lorenzo II Priuli che fu eletto patriarca di Venezia nel 1591 e che morì nel 1600 (si veda, a tal proposito, l’iscrizione latina di titolazione, incisa nella parte superiore della specchiatura del rilievo in esame, che così cita: LAVREX S R L CARD PRIVL PAT. VEN:). Lo scudo segue l’araldica ecclesiastica: di fatti vescovi e patriarchi timbrano i loro scudi con il cappello pretalizio, cordoni e nappe di color verde. I fiocchi, in numero di dodici, sono disposti sei per parte, in tre ordini di 1, 2, 3; di solito un sottostante cartiglio è posto ai piedi dell’emblema (a tal proposito si suppone che ve ne fosse uno anche ai piedi dello scudo succittato poiché sono evidenti i due incavi nella zona inferiore della specchiatura, probabilmente alloggiamenti per i sostegni del motto). La scultura in esame, forse un tempo policroma, è posta al di sopra del portale d’ingresso al chiostro dell’ex Palazzo Patriarcale. L’erudito Tassini nel suo libro “Edifici di Venezia: distrutti o volti ad altro uso” così scrive del Palazzo: “Sorse nel secolo XIII ad uso prima dei vescovi Olivolensi, o Castellani, e poscia dei patriarchi di Venezia. Rifabbricossi nel secolo XVI dal patriarca Antonio Contarini, che vi fece dipingere nella gran sala i ritratti de’ suoi predecessori. Questa sala aveva pure il soffitto dipinto da Palma il Giovane, e nella chiesetta interna v’era una tavola di Girolamo Forabosco. Trasportata la sede patriarcale a S. Marco nel 1807, il palazzo anzidetto consegnossi alle truppe di Marina”. La casata dei Priuli apparteneva alla classe seconda – “case nuove” delle famiglie nobili veneziane (della “classe prima” facevan parte le case vecchie “provenienti dalle famiglie tribunizie, 24 in tutto, 12 delle quali erano dette Apostoliche, perché avevano concorso all’elezione del primo Doge Paoluccio Anafesto nel 697, e 4 Evangeliste, perché avevano fondato, nel 725, il Monastero di S. Giorgio Maggiore. […] Le case nuove erano costituite dalle famiglie che avevano fatto parte del Maggior Consiglio fino dall’ 800. Di queste 16 erano chiamate Ducali perché dal 1414 al 1612 (quando fu eletto Doge Marcantonio Memmo), elessero sempre il Doge nel loro seno, escludendo i membri delle Case Vecchie.” (Custoza, 1979, p. 10). I Priuli appartenevano alle case nuove ducali. Quattro ceti costituivano la cittadinanza veneziana: la nobiltà, il clero, i cittadini originari (burocratici), il popolo. A riguardo della nobiltà con la Serrata, voluta dal Doge Pietro Gradenigo, nel 1296, l’ordinamento del patriziato veneziano venne così organizzato: soltanto le casate che negli ultimi quattro anni presero parte al Maggior Consiglio ebbero ragione di appartenervi (furono più di un centinaio di famiglie). Nel 1379 vennero aggregate altre trenta famiglie che diedero un appoggio considerevole nella guerra contro Chioggia. Successivamente centoventiquattro famiglie (di cui quarantasette nella guerra di Morea, 1687-1717) entrarono a far parte della nobiltà dopo aver pagato centomila ducati alla Repubblica Serenissima. Altre quaranta famiglie provenienti da fuori Venezia, nobili da almeno quattro generazioni e con un utile annuo di diecimila ducati, si aggiunsero nel 1775 
araldica 
46 A 12 2 (PRIULI LORENZO) 1 
entro comparto rettangolare, sovrastato da timpano, grande stemma patriarcale e iscrizione 
Venezia (VE) 
araldica 
pietra d'Istria 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1996 
bibliografia di corredo: Tassini G - 1970 
bibliografia specifica: Pazzi P - 2000 
bibliografia di corredo: Morando di Custoza E - 1979 
bibliografia specifica: Franzoi U./ Di Stefano D - 1976 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here