soggetto non rilevabile (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0500641090 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

rilievo, opera isolata soggetto non rilevabile
soggetto non rilevabile (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (sec. XV) 
soggetto non rilevabile (rilievo, opera isolata) - produzione veneziana (sec. XV) 
rilievo (opera isolata) 
scudo gotico moderno con arma non leggibile; una cornice a toro racchiude il tutto 
ante 1400-ante 1499 
0500641090 
rilievo 
00641090 
05 
0500641090 
il rilievo è identificato dallo storico d’arte Rizzi come uno scudo del XV secolo seppure questo sia privo d’arma. La motivazione di tale mancanza potrebbe essere dovuta alla “damnatio memoriae” e/o al cattivo stato di conservazione dell’opera a seguito di più concause di degrado. Era consuetudine in passato che le famiglie proprietarie di immobili ponessero sulla facciate principali o su quelle più in vista lo stemma nobiliare della loro casata per identificarne il possesso. Per quanto concerne l’organizzazione araldica veneziana pare che questa iniziò a definirsi attorno al Mille. I colori azzurro e rosso, ritenuti i più aristocratici, assieme ai metalli argento e oro, dominarono gli stemmi più antichi. In seguito vennero utilizzati anche il nero e il verde. Gli scudi con semplici partizioni e pezze onorevoli furono i più vetusti. Quattro ceti costituivano la cittadinanza veneziana: la nobiltà, il clero, i cittadini originari (burocratici), il popolo. A riguardo della nobiltà di Venezia con la Serrata, voluta dal Doge Pietro Gradenigo, nel 1296, l’ordinamento del patriziato veneziano venne così organizzato: soltanto le casate che negli ultimi quattro anni presero parte al Maggior Consiglio ebbero ragione di appartenervi (furono più di un centinaio di famiglie). Nel 1379 vennero aggregate altre trenta famiglie che diedero un appoggio considerevole nella guerra contro Chioggia. Successivamente centoventiquattro famiglie (di cui quarantasette nella guerra di Morea, 1687-1717) entrarono a far parte della nobiltà dopo aver pagato centomila ducati alla Repubblica Serenissima. Altre quaranta famiglie provenienti da fuori Venezia, nobili da almeno quattro generazioni e con un utile annuo di diecimila ducati, si aggiunsero nel 1775 
soggetto non rilevabile 
soggetto non rilevabile 
scudo gotico moderno con arma non leggibile; una cornice a toro racchiude il tutto 
Venezia (VE) 
soggetto non rilevabile 
pietra d'Istria 
bibliografia specifica: Piamonte G - 1996 
bibliografia di corredo: Rizzi A - 1987 
bibliografia specifica: Rizzi A - 1987 
bibliografia di corredo: Dorigo W - 2003 
bibliografia di corredo: Morando di Custoza E - 1979 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here