soggetto assente (monumento ai caduti - ad ara, opera isolata) by Novelli Giovanni Battista (attribuito) - ambito Italia nord-orientale (prima metà XX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0600166206 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

monumento ai caduti, ad ara, opera isolata, Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale soggetto assente
soggetto assente (monumento ai caduti - ad ara, opera isolata) by Novelli Giovanni Battista (attribuito) - ambito Italia nord-orientale (prima metà XX) 
soggetto assente (monumento ai caduti - ad ara, opera isolata) di Novelli Giovanni Battista (attribuito) - ambito Italia nord-orientale (prima metà XX) 
post 1934-ante 1935 
Il monumento è posto al centro dello spiazzo principale inghiaiato del Parco della Rotonda. E' delimitato da un cordolo mistilineo contraddistinto da quattro cespugli di bosso angolari ed un braciere della pace sul lato frontale. Un basso basamento rettangolare svasato sostiene l'ara vera e propria costituita da uno zoccolo modanato definente la parte centrale ospitante sui lati maggiori le iscrizioni. Quelli minori sono forniti ognuno di reggi-corona in pietra scolpita a testa di lupo (scultore Giovanni Battista Novelli). La cornice modanata superiore inquadra il volume dell'ara, coronata da un basso cuscino con agli estremi due classiche volute. Sul lato anteriore quest'ultime presentano due teste di leone, su quello opposto due fiori stilizzati. L'ara è costituita da blocchi e lastre di pietra calcarea lavorata liscia e bocciardata. Per fasi successive sono state applicate altre targhe bronzee: sul lato anteriore troviamo il fregio della marina militare italiana e relativa targa commemorativa sulla medaglia d'oro insignita alla sua bandiera. Più sotto c'è un'altra più recente dell'ANA 
Monumento ai caduti della prima e della seconda guerra mondiale (monumento ai caduti ad ara) 
00166206 
06 
0600166206 
Il monumento originario si trovava al centro dell'emiciclo verde di Piazzale dell'Unità e venne inaugurato nel 1935. Nell'immediato secondo dopoguerra, con i lavori di ricostruzione e di urbanizzazione "l'ingombrante manufatto" venne spostato e ricostruito nel luogo attuale, a cura dell'allora ispettore onorario alle belle arti dott. Ettore Patuna di Gradisca. Le parti scultoree furono eseguite da G.B. Novelli 
soggetto assente 
soggetto assente 
Il monumento è posto al centro dello spiazzo principale inghiaiato del Parco della Rotonda. E' delimitato da un cordolo mistilineo contraddistinto da quattro cespugli di bosso angolari ed un braciere della pace sul lato frontale. Un basso basamento rettangolare svasato sostiene l'ara vera e propria costituita da uno zoccolo modanato definente la parte centrale ospitante sui lati maggiori le iscrizioni. Quelli minori sono forniti ognuno di reggi-corona in pietra scolpita a testa di lupo (scultore Giovanni Battista Novelli). La cornice modanata superiore inquadra il volume dell'ara, coronata da un basso cuscino con agli estremi due classiche volute. Sul lato anteriore quest'ultime presentano due teste di leone, su quello opposto due fiori stilizzati. L'ara è costituita da blocchi e lastre di pietra calcarea lavorata liscia e bocciardata. Per fasi successive sono state applicate altre targhe bronzee: sul lato anteriore troviamo il fregio della marina militare italiana e relativa targa commemorativa sulla medaglia d'oro insignita alla sua bandiera. Più sotto c'è un'altra più recente dell'ANA 
soggetto assente 
Gradisca d'Isonzo (GO) 
0600166206 
monumento ai caduti ad ara 
proprietà Ente pubblico territoriale 
pietra calcarea d'Aurisina/ bocciardatura 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here