simboli e arredi liturgici (altare maggiore, opera isolata) by Finelli Carlo, Marzano Giovanni, Bardi Filippo, Bardi Pietro (secondo quarto sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0700020381 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

altare maggiore, opera isolata simboli e arredi liturgici
simboli e arredi liturgici (altare maggiore, opera isolata) by Finelli Carlo, Marzano Giovanni, Bardi Filippo, Bardi Pietro (secondo quarto sec. XIX) 
simboli e arredi liturgici (altare maggiore, opera isolata) di Finelli Carlo, Marzano Giovanni, Bardi Filippo, Bardi Pietro (secondo quarto sec. XIX) 
1837-1837 
Vi si accede mediante tre scalini interrotti posteriormente sui lati da due basi quadrangolari di appoggio. L'altare è a sarcofago strigilato con plastici tralci di fiori e frutti, compreso tra due doppie volute con foglie d'acanto e fra due metope raffiguranti oggetti per il culto sacro (turibolo, aspersorio, vaso con raffigurato il battesimo di Cristo, calice, navicella etc.). La mensa è sporgente a un solo gradone che forma tutt'uno con il basamento per la statua a cui s'appoggia., sul retro, dando l'illusione di un secondo gradino. Le basi delle varie parti sono modanate e aggettanti con fregi a foglie d'acanto. Il gradone, interrotto dal tabernacolo a edicola con tetto piatto, reca inseriti due pannelli, in stucco, ornati da un elaborato cespo d'acanto centrale con ai lati due angeli conclusi in volute d'acanto e lampade ardenti. I lati del dossale, terminano in basso, con una mezza colonnina strigilata rigonfia e perlinata entro calice di foglie, in alto con un cespo d'acanto e volute che acompagnano gli aggetti 
altare maggiore (opera isolata) 
00020381 
07 
0700020381 
Collocato il 25 febbraio 1837, è opera nei bassorilievi del Finelli; ottima realizzazione di gusto neoclassico a cui si uniforma del resto tutta la Basilica. Venne eseguito su disegno del Marzano, come altre opere in marmo realizzate dai fratelli Bardi. Nel manoscritto, conservato presso l'archivio parrocchiale, è riferito che i marmi dell'altare giunsero da Carrara il 4 febbraio 1837 e che altare fu benedetto il 25 febbraio seguente 
simboli e arredi liturgici 
Vi si accede mediante tre scalini interrotti posteriormente sui lati da due basi quadrangolari di appoggio. L'altare è a sarcofago strigilato con plastici tralci di fiori e frutti, compreso tra due doppie volute con foglie d'acanto e fra due metope raffiguranti oggetti per il culto sacro (turibolo, aspersorio, vaso con raffigurato il battesimo di Cristo, calice, navicella etc.). La mensa è sporgente a un solo gradone che forma tutt'uno con il basamento per la statua a cui s'appoggia., sul retro, dando l'illusione di un secondo gradino. Le basi delle varie parti sono modanate e aggettanti con fregi a foglie d'acanto. Il gradone, interrotto dal tabernacolo a edicola con tetto piatto, reca inseriti due pannelli, in stucco, ornati da un elaborato cespo d'acanto centrale con ai lati due angeli conclusi in volute d'acanto e lampade ardenti. I lati del dossale, terminano in basso, con una mezza colonnina strigilata rigonfia e perlinata entro calice di foglie, in alto con un cespo d'acanto e volute che acompagnano gli aggetti 
simboli e arredi liturgici 
Imperia (IM) 
0700020381 
altare maggiore 
proprietà Ente religioso cattolico 
stucco 
marmo venato 
bibliografia specifica: Donte V.G - 1934 
bibliografia specifica: Paoletti F - 1912 
bibliografia specifica: Donte V.G./ Ginatta P - 1938 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here