Cristo morto (statua, opera isolata) - bottega lombarda (sec. XVII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0700039149 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

statua, opera isolata Cristo morto
Cristo morto (statua, opera isolata) - bottega lombarda (sec. XVII) 
Cristo morto (statua, opera isolata) - bottega lombarda (sec. XVII) 
1679-1679 
Il corpo del Cristo morto, dipinto di rosa scuro con i fianchi coperti da una bassa striscia di panno bianco - sostituito in tempi recenti - giace supino sulla lettiera, la testa lievemente alzata, le ginocchia piegate; il piede destro, su cui è evidente il foro del chiodo, si sovrappone al sinistro. Le braccia distese con le palme aperte e le dita rivolte verso l'alto. Sul volto, dagli occhi chiusi e la bocca semiaperta, sono visibili i segni della sofferenza. I capelli sono lunghi e a boccoli ricadenti sulle spalle; barba e baffi sono dipinti in colore bruno. La muscolatura del corpo e le vene sono ben evidenziate 
statua (opera isolata) 
00039149 
07 
0700039149 
Dell'opera è documentata la delibera comunale di commissione, datata 16 aprile 1637, in cui la Città di Sanremo dà incarico di far eseguire "a Milano un Cristo Morto per servirsene per la processione del Venerdì Santo"; in un'altra delibera del 1679 si pregano le Madri Turchine di tenere nel loro Monastero "l'immagine del Cristo Morto" e di averne cura (Ferrari, 1975, p. 106). La scultura è pervenuta alla chiesa in si trova attualmente o dopo essere stata restaurata e portata "al primitivo stato" (IDEM, 1975, p. 105) - in un periodo imprecisabile - o nel XIX secolo, ai tempi della soppressione degli ordini religiosi, o dopo i bombardamenti della Seconda Guerra. L'iconografia del Cristo Morto, deposto dalla croce, ancora con i segni della sofferenza sul volto, è tipico dellaa produzione seicentesca, tesa a rendere patetica la figura del Cristo per suscitare pietà e devozione. Essendo stata commissionata a Milano è evidente che dovevano esistere botteghe - conosciute e apprezzate anche in Liguria - dedite a questo tipo di produzione 
Cristo morto 
Il corpo del Cristo morto, dipinto di rosa scuro con i fianchi coperti da una bassa striscia di panno bianco - sostituito in tempi recenti - giace supino sulla lettiera, la testa lievemente alzata, le ginocchia piegate; il piede destro, su cui è evidente il foro del chiodo, si sovrappone al sinistro. Le braccia distese con le palme aperte e le dita rivolte verso l'alto. Sul volto, dagli occhi chiusi e la bocca semiaperta, sono visibili i segni della sofferenza. I capelli sono lunghi e a boccoli ricadenti sulle spalle; barba e baffi sono dipinti in colore bruno. La muscolatura del corpo e le vene sono ben evidenziate 
Cristo morto 
San Remo (IM) 
0700039149 
statua 
detenzione Ente religioso cattolico 
cartapesta/ modellatura/ pittura 
bibliografia di confronto: Bernardini E - 1987 
bibliografia di confronto: Ferrari G - 1975 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here