Santo Stefano (statua, complesso decorativo) by Brilla Antonio (sec. XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0700039222 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

statua, complesso decorativo Santo Stefano
Santo Stefano (statua, complesso decorativo) di Brilla Antonio (sec. XIX) 
Santo Stefano (statua, complesso decorativo) by Brilla Antonio (sec. XIX) 
1881-1881 
La statua, addossata alla parete di fondo di una nicchia con catino decorato a conchiglia, poggia su un basso plinto quadrangolare decorato alla base con una testina di putto con ali, raffigura il santo, giovane, il capo rivolto a sinistra e lo sguardo rivolto verso l'alto. I capelli sono mossi e scomposti in corte ciocche realizzate ad incisione. La gamba destra è piegata e il piede poggia su un sasso, simbolo del suo martirio, mentre l'altra gamba è coperta dalla veste.Con la mano destra teneva la palma - oggi scomparsa - simbolo del martirio 
statua (complesso decorativo) 
00039222 
07 
0700039222 
La scultura fa parte di un ciclo comprendente quattro statue (v. schede nn. 18, 30 E) eseguite nel 1881 dallo scultore Antonio Brilla di Savona (Libro delle Memorie della Chiesa di S. Giuseppe, 1835 - 1951. p. 116). Nel 1881, infatti, "con un lascito privato vengono fatte collocare le statue nelle quattro nicchie vuote...Le statue raffigurano un profeta Giovanni Battista; un apostolo, S. Andrea; un martire, S. Stefano; un confessore, San Leonardo da Porto Maurizio" (idem. p. 103).Antonio Brilla di Savona (1813 - 1891) è un ingegno versatile la cui vasta produzione spazia in tutte le tecniche della scultura. Le sue opere, di vario livello, in gran parte a soggetto sacro, si trovano sparse in tolte chiese della Liguria, soprattutto di Ponente e dell'entroterra (G.L. BRUZZONE, II Brilla a Celle, Genova, 1985, pp. 5 - 6).Egli dovette proprio alla produzione a soggetto religioso l'ampia diffusione della sua scultura nelle Riviere e in Genova stessa: anche se non sempre essa riuscì a riscattarsi dal tradizionalismo che tale produzione richiedeva (AA. VV., La scultura a Genova Liguria. Genova, 1988, vol. II, p. 385), II Brilla fu l'ultimo esponente di una tradizione di scultori e intagliatori risalente ad A. M. Maragliano; fu erede di F. Martinengo, colui che introdusse il linguaggio neoclassico a Savona (C. CHILOSI, Scultura celebrativa e ornamentale nella Savona dell'800, in La Casana, 4. 1987, p. 24) 
Santo Stefano 
La statua, addossata alla parete di fondo di una nicchia con catino decorato a conchiglia, poggia su un basso plinto quadrangolare decorato alla base con una testina di putto con ali, raffigura il santo, giovane, il capo rivolto a sinistra e lo sguardo rivolto verso l'alto. I capelli sono mossi e scomposti in corte ciocche realizzate ad incisione. La gamba destra è piegata e il piede poggia su un sasso, simbolo del suo martirio, mentre l'altra gamba è coperta dalla veste.Con la mano destra teneva la palma - oggi scomparsa - simbolo del martirio 
Santo Stefano 
San Remo (IM) 
0700039222 
statua 
proprietà Ente religioso cattolico 
stucco/ modellatura 
gesso/ scultura 
bibliografia di confronto: BRUZZONE G.L - 1985 
bibliografia di confronto: CHILOSI C - 1987 
bibliografia di confronto: AA. VV., La scultura a Genova e in Liguria - 1988 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here