paesaggio con rovine (caffettiera, opera isolata) by Manifattura Cozzi (bottega) (seconda metà sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0700040134 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

caffettiera, opera isolata paesaggio con rovine
paesaggio con rovine (caffettiera, opera isolata) by Manifattura Cozzi (bottega) (seconda metà sec. XVIII) 
paesaggio con rovine (caffettiera, opera isolata) di Manifattura Cozzi (bottega) (seconda metà sec. XVIII) 
1750-1799 
La caffettiera, con corpo globulare che si restringe verso la sommità, ha il versatoio a testa d'animale (uccello o serpente)e un'ansa a duplice 'orecchietta'. Il piede ha forma cilindrica. Il decoro, realizzato in monocromia rosso-ferro di manganese su smalto bianco, è costituito, sul corpo da un paesaggio con fontana centrale, obelisco e rovine architettoniche sullo sfondo. Il versatoio è vivacemente caratterizzato da un motivo a squame nella parte inferiore, mentre sul beccuccio sono nettamente delineati i tratti del muso dell'animale. Anche l'ansa è decorata da linee e trattini che ne sottolineano la forma. La caffettiera è listata di rosso-ferro sul bordo 
caffettiera (opera isolata) 
00040134 
07 
0700040134 
La fabbrica di oggetti in terraglia di Geminiano Cozzi entrò definitivamente in funzione nel 1785, dopo decenni di sperimentazione, affiancando così la prestigiosa fabbrica di maioliche e porcellane, attiva sin dal 1762 (cfr. G. Lorenzetti, 1939 e a A. Mottola Molfino, 1976). Nella mostra di Venezia del 1939 (cfr. G. Lorenzetti, 1939) comparivano diverse terraglie smaltate analoghe a quelle della Collezione Rizzi. Il decoro è molto simile a quello usato per le celebri porcellane: il paesaggio in monocromo rosso-ferro, derivato in genere da stampe tratte da opere di pittori veneziani contemporanei, come Canaletto o Piazzetta (cfr. ad esempio il servizio da caffè di Ca' Rezzonico, datato 1767). Nella caffettiera in oggetto, tuttavia, come nel piattino analogo (cfr. scheda n. 00040135) l'ornamentazione è meno accurata, il segno più grossolano, probabilmente perchè la terraglia rientrava nell'ambito di una produzione che si voleva di tipo 'industriale', priva di quei connotati di oggetto di lusso, destinato ad un'élite, tipici della porcellana 
paesaggio con rovine 
La caffettiera, con corpo globulare che si restringe verso la sommità, ha il versatoio a testa d'animale (uccello o serpente)e un'ansa a duplice 'orecchietta'. Il piede ha forma cilindrica. Il decoro, realizzato in monocromia rosso-ferro di manganese su smalto bianco, è costituito, sul corpo da un paesaggio con fontana centrale, obelisco e rovine architettoniche sullo sfondo. Il versatoio è vivacemente caratterizzato da un motivo a squame nella parte inferiore, mentre sul beccuccio sono nettamente delineati i tratti del muso dell'animale. Anche l'ansa è decorata da linee e trattini che ne sottolineano la forma. La caffettiera è listata di rosso-ferro sul bordo 
paesaggio con rovine 
Sestri Levante (GE) 
0700040134 
caffettiera 
proprietà mista pubblica/privata 
terraglia/ invetriatura/ pittura 
bibliografia di confronto: Lorenzetti G - 1939 
bibliografia di confronto: Mottola Molfino A - 1976 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here