portale by Maestro Gregorio (fine sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800148567 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

portale by Maestro Gregorio (fine sec. XV) 
portale di Maestro Gregorio (fine sec. XV) 
portale 
Il portale presenta stipiti di fattura piuttosto semplice, arco decorato da motivi classici a fogliami chiuso da una chiave di volta con putto e fiancheggiato da due tondi con gli stemmi e i nomi dei committenti, fregio della soprastante trabeazine ancora a fogliami; al di sopra è una cimasa con al centro lo stemma della famiglia Scotti affiancato da volute e sfingi e sormontato da coppia di delfini 
1492-1499 
0800148567 
portale 
00148567 
08 
0800148567 
Piero Gazzola (1937) pubblicò per primo il testo dell'atto notarile tra il committente Ettore Scotti e tale Mastro Gregorio, datato 1492, per la costruzione del portale, atto custodito nell'Archivio del Collegio. Sempre il Gazzola, avvicinando questo portale a quello di Palazzo Landi per il fasto della decorazione, lo annovera tra i più importanti della città. Trova risonanze nel "gusto archeologizzante comune alle terracotte cremonesi del tempo", nella testa scolpita del fregio a prolungamento delle lesene, che si ispirano, tuttavia,, "a buoni esemplari romani del basso impero". Nel complesso nota una scarsa coerenza stilistica nella mancanza di coesione tra il portale e il coronamento araldico, compensata da un "vivace senso di plasticità carnosa". I motivi dominanti della decorazione, cornucopie, viticci fiori e delfini, sono consueti nell'arte lombarda di questo periodo e si possono ritrovare nei due più significativi edifici del tempo: la Certosa di Pavia e la Cappella Colleoni a Bergamo, in cui sono usati in abbondanza per la decorazione di lesene e pilastri. Il motivo a forti girali dell'acroterio superiore è presente anche nel Monumento Castiglioni a Castiglione Olona e i delfini alla sommità ricordano vagamente certi particolari di lavabi della Certosa di Pavia. Da ciò si deduce che Maetro Gherardo dovesse essere ben addentro alla cultura lombarda del tempo, di cui diede in questo lavoro una rielaborazione formale di notevole qualità ed eleganza 
Il portale presenta stipiti di fattura piuttosto semplice, arco decorato da motivi classici a fogliami chiuso da una chiave di volta con putto e fiancheggiato da due tondi con gli stemmi e i nomi dei committenti, fregio della soprastante trabeazine ancora a fogliami; al di sopra è una cimasa con al centro lo stemma della famiglia Scotti affiancato da volute e sfingi e sormontato da coppia di delfini 
Piacenza (PC) 
proprietà Ente pubblico non territoriale 
portale 
pietra 
terracotta 
bibliografia specifica: Gazzola P - 1937 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here