Personaggi e scene di soggetto sacro (decorazione pittorica) - ambito emiliano (prima metà sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800193835 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

decorazione pittorica Personaggi e scene di soggetto sacro
Personaggi e scene di soggetto sacro (decorazione pittorica) - ambito emiliano (prima metà sec. XV) 
Personaggi e scene di soggetto sacro (decorazione pittorica) - ambito emiliano (prima metà sec. XV) 
decorazione pittorica 
Piccolo vano con volto a crociera, i cui mensoloni si ornano di rabeschi e terminano in uno scudo recante lo stemma dei Contrari. Nelle vele, su fondo azzurro e stelle d'oro, seduti su prati fioriti, sono gli Evangelisti e al loro fianco allusioni simboliche (Gesù nella mangiatoia, Cristo risorto, l'Agnello Mistico, la Santissima Trinità). Nelle lunette delle pareti scene con molte figure, i colori contrastanti e vivaci, cangianti nei panneggi: la discesa dello Spirito Santo, l'Ascensione di Cristo, l'Assunzione di Maria, la Vergine Assunta lascia cadere la cintola a Tommaso, la Resurrezione di Cristo e la discesa al Limbo 
1400-1449 
0800193835 
decorazione pittorica 
00193835 
08 
0800193835 
La decorazione, vivacissima per i colori chiari e brillanti, amalgama le pareti del sacello in un'unità di stile difficilmente riscontrabile. Spiccano i calligrafici virtuosismi della maniera tardogotica emiliana e gli evidenti ricordi della tradizione classica. Gli affreschi sono ricordati da tutte le trattazioni su Vignola e venivano giudicati genericamente di scuola giottesca: L. Tosi, 1872, p. 38; A. Plessi, p. 42 che ricorda a Vignola nel 1462 un Paolo pittore, G. B. Toschi, 1895, pp. 443-445; S. Govi, 1910, p. 66; idem, 1936; C. Coppi, 1939, pp. 19-29; A. Pedrazzi, I, 1950, pp. 90-92; A. G. Quintavalle, 1962, pp. 439-448 che analizza scientificamente gli affreschi per primo, datandoli durante il governo di Uguccione dei Contrari, signore di Vignola dal 1401 al 1448, rileva analogie con Giovanni da Modena e con il frescante della cappella di Santa Caterina di Carpi. Ricordo in S. Sampaolesi (1970). Altra analisi in C. L. Ragghianti (1972, pp. 9-15) che li avvicina al maestro di Sant'Apollinare di Ferrara. Un riferimento più preciso con il maestro di Carpi è in S. Padovani (1975, pp. 26-42) 
Personaggi e scene di soggetto sacro 
Piccolo vano con volto a crociera, i cui mensoloni si ornano di rabeschi e terminano in uno scudo recante lo stemma dei Contrari. Nelle vele, su fondo azzurro e stelle d'oro, seduti su prati fioriti, sono gli Evangelisti e al loro fianco allusioni simboliche (Gesù nella mangiatoia, Cristo risorto, l'Agnello Mistico, la Santissima Trinità). Nelle lunette delle pareti scene con molte figure, i colori contrastanti e vivaci, cangianti nei panneggi: la discesa dello Spirito Santo, l'Ascensione di Cristo, l'Assunzione di Maria, la Vergine Assunta lascia cadere la cintola a Tommaso, la Resurrezione di Cristo e la discesa al Limbo 
Vignola (MO) 
proprietà privata 
Personaggi e scene di soggetto sacro 
intonaco/ pittura a fresco 
bibliografia specifica: Padovani S - 1975 
bibliografia specifica: Govi S - 1910 
bibliografia specifica: Pedrazzi A - 1950 
bibliografia specifica: Quintavalle A. C - 1962 
bibliografia specifica: Govi S - 1936 
bibliografia specifica: Toschi G. B - 1895 
bibliografia specifica: Tosi L - 1872 
bibliografia specifica: Ragghianti C. L - 1972 
bibliografia specifica: Plessi A - 1885 
bibliografia specifica: Sampaolesi P - 1970 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here