Storie della vita di San Lazzaro (dipinto, ciclo) by Setti Adamo, Setti Agostino (prima metà sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800194314 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto, ciclo Storie della vita di San Lazzaro
Storie della vita di San Lazzaro (dipinto, ciclo) di Setti Adamo, Setti Agostino (prima metà sec. XVI) 
Storie della vita di San Lazzaro (dipinto, ciclo) by Setti Adamo, Setti Agostino (prima metà sec. XVI) 
dipinto (ciclo) 
La decorazione copre tutte la pareti della chiesetta. Le scene sono delimitate da una riquadratura architettonica a pilastri con candelabre su fondo giallo vivo. I personaggi vestono in gran parte abiti rinascimentali. I colori, pur avendo perso la freschezza originale, hanno toni brillanti, cangianti, prevalenti i gialli, verdi, rossi violetti, bianchi. In alto fregio a grottesche. Dall'altare maggiore a sinistra: 1) Madonna con il Bambino e San Giuseppe; 2) Maddalena assiste alla predica di Cristo; 3) Maddalena unge i piedi a Cristo; 4) Cristo circondato dagli Apostoli; 5) Cristo fra i dottori della legge; 6) Cristo seduto con Lazzaro in casa di Marta e Maria; 7) Lazzaro moribondo assistito dalle sorelle; 8) Marta e Maria annunciano a Cristo la morte di Lazzaro; 9) Cristo resuscita Lazzaro; 10) abitanti assistono alla resurrezione di Lazzaro; 11) Lazzaro, Marta e Maria partono su di una nave dalla Palestina; 12) la predica della Maddalena davanti al re e alla regina di Cipro; 13) Lazzaro è consacrato vescovo di Cipro; 14) morte e compianto di Lazzaro; 15) storpi invocano la guarigione al sepolcro di Lazzaro; 16) San Geminiano e San Giovanni Battista; 17) San Lazzaro morto, vestito da vescovo su di un sarcofago. Sopra la porta, alto baldacchino di damasco dorato 
1500-1549 
0800194314 
dipinto 
00194314 
17 
08 
0800194314 
Le vecchie attribuzioni vertevano su Pellegrino Munari (G. Lugli, 1845, pp. 337-339; C. Malmusi, 1862; A. Venturi, 1885, pp. 260.261) e dubitativamente per Giov. Antonio Scacchieri riguardo le figure; con certezza, però il fregio (Venturi, 1890 p. 386, idem 1914 p. 1085). Il Fiocco (1917, p. 210) li assegna al parmense Gherardo delle Catene. E' il Bertoni (1919 e 1929, pp. 27-32) che, sulla scorta dei documenti Campori, accerta che gli autori di questa decorazione sono i modenesi Adamo e Agostino Setti, che li esguirono nel 1523 e ne ricevettero i pagamenti. Così il Chellini-Pancaldi (1926, pp. 217-219) e A. G. Quintavalle (1967, pp. 69-71) che, pubblicandoli dopo il loro faticoso restauro, cerca di inquadrare stilisticamente l'opera di questi artisti nell'ambito provinciale e ritardatario modenese. Vi si notano influssi perugineschi, parmensi, ferraresi, desunti dal Costa e dall'Araldi visti attraverso un'ingenua e spontanea vena narrativa e idilliaca. Citati da M. Bertolani del Rio (1961 p. 84) 
Storie della vita di San Lazzaro 
La decorazione copre tutte la pareti della chiesetta. Le scene sono delimitate da una riquadratura architettonica a pilastri con candelabre su fondo giallo vivo. I personaggi vestono in gran parte abiti rinascimentali. I colori, pur avendo perso la freschezza originale, hanno toni brillanti, cangianti, prevalenti i gialli, verdi, rossi violetti, bianchi. In alto fregio a grottesche. Dall'altare maggiore a sinistra: 1) Madonna con il Bambino e San Giuseppe; 2) Maddalena assiste alla predica di Cristo; 3) Maddalena unge i piedi a Cristo; 4) Cristo circondato dagli Apostoli; 5) Cristo fra i dottori della legge; 6) Cristo seduto con Lazzaro in casa di Marta e Maria; 7) Lazzaro moribondo assistito dalle sorelle; 8) Marta e Maria annunciano a Cristo la morte di Lazzaro; 9) Cristo resuscita Lazzaro; 10) abitanti assistono alla resurrezione di Lazzaro; 11) Lazzaro, Marta e Maria partono su di una nave dalla Palestina; 12) la predica della Maddalena davanti al re e alla regina di Cipro; 13) Lazzaro è consacrato vescovo di Cipro; 14) morte e compianto di Lazzaro; 15) storpi invocano la guarigione al sepolcro di Lazzaro; 16) San Geminiano e San Giovanni Battista; 17) San Lazzaro morto, vestito da vescovo su di un sarcofago. Sopra la porta, alto baldacchino di damasco dorato 
Modena (MO) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
Storie della vita di San Lazzaro 
intonaco/ pittura a fresco 
bibliografia specifica: Venturi A - 1914 
bibliografia specifica: Fiocco G - 1917 
bibliografia specifica: Chellini L./ Pancaldi E - 1926 
bibliografia specifica: Arte Emilia - 1967 
bibliografia specifica: Venturi A - 1890 
bibliografia specifica: Patrimonio storico - 1920 
bibliografia specifica: Bertolani Del Rio M - 1961 
bibliografia specifica: Bertoni G - 1919 
bibliografia specifica: Lugli G - 1845 
bibliografia specifica: Malmusi C - 1862 
bibliografia specifica: Venturi A - 1885 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here