paramento liturgico - manifattura italiana (sec. XVIII)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800200578 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

paramento liturgico
paramento liturgico - manifattura italiana (sec. XVIII) 
paramento liturgico - manifattura italiana (sec. XVIII) 
paramento liturgico 
Ricami su fondo cannetillé. Colore: fondo viola-bordò, disegno a ricca policromia sfumata, oro e argento. Disegno: paesaggi simmetrici con palazzi orientali e alberi di melograno, su cui sono avvolti pampini e grappoli d'uva, sono sormontati da una coppia di cesti fioriti. Paesaggi pressochè simili tra loro e caratterizzati da un laghetto dove nuotano due oche e da un albero con doppi rami di foglie, bacche, giunchiglie e altri fiori, completano il disegno alla sua destra e alla sua sinistra. Gallone in oro filato e oro in lamina ad andamento a "8" dato dall'intreccio di due nastri sinuosi di cm. 6. Fodera in gros de Tours di seta di colore azzurro 
1730-1750 
0800200578 
paramento liturgico 
00200578 
08 
0800200578 
Questo esempio dichiara la sua derivazione di carattere naturalistico, sulle orme della nuova tecnica poposta da Jean Revel (1648-1751) e consistente in un gioco molto attento delle sfumature. La moda cosidetta del "point-rentré", nata a Lione, trovò un largo consenso in tutta Europa, dove venne riproposta e modificata secondo le esigenze del momento. Qui vediamo non solo l'intrecciarsi di motivi orientali al motivo naturalistico-vegetale, ma si verifica la realizzazione in ricamo di tematiche comuni alla tessitura vera e propria. Per quanto riguarda il luogo di fabbricazione non si esclude la sua origine locale, dal momento che nei Registri di Commissioni della Fabbrica Trivelli-Spalletti, la cui attività a Reggio Emilia è documentata dal 1743 al 1783 (Civici Musei di R. Emilia, Gallerie Fontanesi), si incontrano più esempi di cannetillè del tutto simili al tessuto di fondo del pivale. Per lo stile Revel si veda D. Devoti, L'arte del tessuto in Europa, Milano 1974, pp. 29-30 e B.Markowsky, Europaische Seidengewebe, Koln 1976, pp.66-67 
Ricami su fondo cannetillé. Colore: fondo viola-bordò, disegno a ricca policromia sfumata, oro e argento. Disegno: paesaggi simmetrici con palazzi orientali e alberi di melograno, su cui sono avvolti pampini e grappoli d'uva, sono sormontati da una coppia di cesti fioriti. Paesaggi pressochè simili tra loro e caratterizzati da un laghetto dove nuotano due oche e da un albero con doppi rami di foglie, bacche, giunchiglie e altri fiori, completano il disegno alla sua destra e alla sua sinistra. Gallone in oro filato e oro in lamina ad andamento a "8" dato dall'intreccio di due nastri sinuosi di cm. 6. Fodera in gros de Tours di seta di colore azzurro 
Reggio Emilia (RE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
paramento liturgico 
filo d'oro/ ricamo 
filo d'argento/ ricamo 
seta/ cannellato/ ricamo 
filo di seta/ ricamo 
bibliografia di confronto: Devoti D - 1974 
bibliografia di confronto: De' Medici Bagnoli - 1966 
bibliografia di confronto: Catellani T - 1974 
bibliografia di confronto: Markowsky B - 1976 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here