paramento liturgico - manifattura italiana (secc. XVIII/ XIX)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800200623 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

paramento liturgico
paramento liturgico - manifattura italiana (secc. XVIII/ XIX) 
paramento liturgico - manifattura italiana (secc. XVIII/ XIX) 
paramento liturgico 
Gros de Tours ondato. Colore: azzurro. Disegno: la successione delle onde produce un gradevole effetto di riflessione della luce. Gallone: in oro filato di cm. 3 e cm. 1.5. Fodera: in tela di canapa colore grigio topo 
1700-1899 
0800200623 
paramento liturgico 
00200623 
08 
0800200623 
L'effetto di onde che si succedono, differenti nella forma e nelle dimensioni, è ottenuto in una fase del lavoro posteriore alla tessitura e consistente nell'impiego di una macchina molto pesante il "mangano", la cui funzione principale è quella di pressare la grana della stoffa. Questa tecnica, già in uso nel 700', venne poi ripresa a partire dal sec. XX. Per notizie sull'ondatura si veda Encyclopedie ou Dictionairre raisonné des Sciences des Arts et des Métieres par Diderot et D'Alambert, Lucques 1758-1777, Vol. II, p. 466. M. Cuoghi Costantini, E. Bazzani, I. Silvestri, Per una raccolta storica del tessuto, in Guida alle Gallerie d'arte, II La Galleria Fontanesi, Reggio Emilia 1977, scheda n. 18. Un tessuto analogo è descritto nella scheda n. 80 (0800200624), Basilica della B. V. della Ghiara, Reggio Emilia, (RE) 
Gros de Tours ondato. Colore: azzurro. Disegno: la successione delle onde produce un gradevole effetto di riflessione della luce. Gallone: in oro filato di cm. 3 e cm. 1.5. Fodera: in tela di canapa colore grigio topo 
Reggio Emilia (RE) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
paramento liturgico 
seta/ gros de Tours/ marezzatura 
bibliografia di confronto: Bazzani E./ Cuoghi Costantini M./ Silvestri J - 1977 
bibliografia di confronto: Encyclopedie Dictionnaire - 1758-1776 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here