storia di Narciso (coppa) - manifattura urbinate (metà sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800229235 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

coppa storia di Narciso
storia di Narciso (coppa) - manifattura urbinate (metà sec. XVI) 
storia di Narciso (coppa) - manifattura urbinate (metà sec. XVI) 
coppa 
Coppa in maiolica policroma istoriata. All'interno, in primo piano, troviamo a destra Narciso che si specchia nell'acqua, al centro il suo cadavere sulle ginocchia di Eco e di un'altra ninfa, a sinistra due ninfe che lo additano; in secondo piano vi sono rocce e alberi e sullo sfondo monti con agglomerati di case; dipinto in giallo, turchino, verde, arancio, viola, bruno e nero. L'esterno reca due strisce gialle presso l'orlo e una presso il piede; presenta inoltre diffuse macchie verde chiaro sullo smalto e legenda all'interno del piede 
ca 1545-ca 1545 
0800229235 
coppa 
00229235 
08 
0800229235 
La coppa, proveniente dalla Collezione estense di maioliche, reca la legenda di Narciso (Ovidio, Metamorfosi, III, 407-510), tema che incontrò una certa fortuna nell'istoriato cinquecentesco. Ascritta negli inventari ottocenteschi a F. X. Avelli, fu pubblicata dal Venturi (1882) che, più genericamente, la disse appartenente all'epoca più fiorente delle maioliche urbinati. Francesco Liverani (1979) l'ha invece inserita nell'ambito della produzione pesarese, individuando la mano di un pittore da lui definito "maestro di Narciso", opinione ribadita di recente con l'accostamento ai modi degli allievi della bottega dei Lanfranco delle Gabicce (Bonali G./ Gresta R. 1987). Di contro, è stata avanzata l'attribuzione ad un pittore attivo ad Urbino nell'ambito di Francesco Durantino per stringenti affinità nell'impaginazione, nella scansione dello spazio e nelle tonalità forti con esemplari usciti da questa manifattura 
storia di Narciso 
Coppa in maiolica policroma istoriata. All'interno, in primo piano, troviamo a destra Narciso che si specchia nell'acqua, al centro il suo cadavere sulle ginocchia di Eco e di un'altra ninfa, a sinistra due ninfe che lo additano; in secondo piano vi sono rocce e alberi e sullo sfondo monti con agglomerati di case; dipinto in giallo, turchino, verde, arancio, viola, bruno e nero. L'esterno reca due strisce gialle presso l'orlo e una presso il piede; presenta inoltre diffuse macchie verde chiaro sullo smalto e legenda all'interno del piede 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
storia di Narciso 
maiolica/ smaltura stannifera/ pittura 
bibliografia di confronto: Berardi P - 1984 
bibliografia specifica: Asioli F - 1872 
bibliografia specifica: Liverani F - 1979 
bibliografia specifica: Venturi A - 1882 
bibliografia specifica: Corradini E - 1987 
bibliografia di confronto: Bonali P./ Gresta R - 1987 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here