Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia (piatto da parata) by Calamelli Virgiliotto (bottega) (terzo quarto sec. XVI)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800229242 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

piatto da parata Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia
Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia (piatto da parata) di Calamelli Virgiliotto (bottega) (terzo quarto sec. XVI) 
Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia (piatto da parata) by Calamelli Virgiliotto (bottega) (terzo quarto sec. XVI) 
piatto da parata 
Piatto in maiolica policroma istoriata in stile compendiario. All'interno è raffigurato Mosè che colpisce con la verga una rupe, dalla quale sgorga acqua; ai lati troviamo figure con ciotole, vasi e animali; in secondo piano vi sono tre figure con otri e sullo sfondo un paesaggio; dipinto sullo smalto bianco in turchino e giallo. L'esterno reca monogramma in nesso, in turchino, ripetuto due volte 
ca 1565-ca 1565 
0800229242 
piatto da parata 
00229242 
08 
0800229242 
Il soggetto biblico di Mosè che fa scaturire l'acqua dalla roccia (Esodo, XVII, 6) trova un'inedita trascrizione stilistica in questo bel piatto di notevole importanza artistica e documentaria, assai noto alla storiografia critica. Attesta i rapporti di committenza da parte degli Estensi con i maiolicari faentini e, nel caso specifico, con Virgilotto Calamelli, uno dei più famosi maestri (documentato dal 1531 al 1570 ca.) che produsse i primi saggi di quello stile definito "compendiario" per i tratti sommari del disegno e l'uso di una tavolozza "languida", a pochi colori, emergente dallo smalto bianco e compatto della maiolica. Fu assegnato dal Venturi (1882) a manifattura faentina e gli studi posteriori ne hanno indicato, sulla scorta dei monogrammi e dei caratteri stilistici, l'appartenenza alla bottega del Virgilotto, talora al maestro stesso ed una datazione attorno al 1560-65 per confronti con esemplari del primo compendiario. Il pittore, un po' parmigianesco nello stile e forse ispirato sul piano iconografico da una xilografia della scuola di Lione (Ravanelli Guidotti C., Le ceramiche della Galleria Estense, Colloqui sulle antiche raccolte estensi (Per un Museo Immaginario Estense), 21 maggio 1987, c.s.) evidenzia notevoli qualità nell'impaginazione e nella vivacità scenica ottenuta con pochi essenziali tratti di colore 
Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia 
Piatto in maiolica policroma istoriata in stile compendiario. All'interno è raffigurato Mosè che colpisce con la verga una rupe, dalla quale sgorga acqua; ai lati troviamo figure con ciotole, vasi e animali; in secondo piano vi sono tre figure con otri e sullo sfondo un paesaggio; dipinto sullo smalto bianco in turchino e giallo. L'esterno reca monogramma in nesso, in turchino, ripetuto due volte 
Modena (MO) 
proprietà Stato 
Mosè fa scaturire l'acqua dalla roccia 
maiolica/ smaltura stannifera/ pittura 
bibliografia specifica: AA. VV - 2000 
bibliografia specifica: Liverani F - 1979 
bibliografia specifica: Venturi A - 1882 
bibliografia specifica: Ballardini G - 1929 
bibliografia di confronto: AA. VV - 1984 
bibliografia specifica: AA. VV - 1950 
bibliografia specifica: Ballardini G - 1938 
bibliografia specifica: Corradini E - 1987 
bibliografia specifica: Liverani G - 1942 
bibliografia specifica: Liverani G - 1958 
bibliografia specifica: Liverani G - 1964 
bibliografia specifica: Liverani G - 1973 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here