San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo (dipinto) by Bigordi Domenico detto Ghirlandaio (scuola) (seconda metà sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800233864 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo
San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo (dipinto) by Bigordi Domenico detto Ghirlandaio (scuola) (seconda metà sec. XV) 
San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo (dipinto) di Bigordi Domenico detto Ghirlandaio (scuola) (seconda metà sec. XV) 
dipinto 
Tavola unica, con evidenti resecazioni ai bordi, appartenente ad una predella, come dimostrano le sagome dipinte nelle colonnine sui lati. Ampio paesaggio collinare in toni verdi sfumati, cielo azzurro cangiante. Nel mezzo un fanciullo resuscitato, due donne inginocchiate con le vesti verdi, rosse, rosa. Alle estremità due donne ammantate in violetto e rosso, a destra due giovani, uno con manto verde cupo e veste rossa; l'altro in tunica grigia e manto giallo. Nel cielo, sulle nubi, a mezzo busto è la figura di un santo francescano in tunica bigia, mantello regale verde a gigli d'oro, benedicente e con pastorale. E' identificabile in S. Ludovico di Tolosa. La cornice, databile al XVII secolo, non è pertinente; è in legno dorato, con intagli di fogliami e fasce annodate in altorilievo 
1450-1499 
0800233864 
dipinto 
00233864 
08 
0800233864 
Proviene dalla raccolta Foresti, ma non se ne conosce l'origine. Quando era nella raccolta Foresti era attribuito a Marco Meloni (Spinelli 1902) e con questo nome pervenne al Museo (Bollettino d'Arte 1914; Museo Carpi...1914). Nella scheda storica (Ragghianti 1940) lo studioso dubitava dell'assegnazione al Meloni e faceva l'ipotesi del romagnolo Tommaso Cardello, così pure Nannini (1952; 1953). Tolto recentemente in modo definitivo al Meloni e ritenuta insostenibile l'attribuzione al Cardello che operava in data troppo precoce, veniva da scuola romagnola con influenze umbre e toscane (Mostra opere 1976). Un confronto con frammenti di predella già appartenenti alla pala dipinta da Domenico Ghirlandaio per Filippo Strozzi (ora a Rotterdam e nella collezione Vitelli), permette di uniformare stilisticamente questa di Carpi con le altre due (presentano pure le stesse colonnine dipinte a divisione delle scene) e avanzare l'attribuzione a pittore fiorentino di scuola ghirlandaesca (cfr. Zeri 1971). In buone condizioni, ma sporco, il dipinto ha recuperato l'originaria qualità dei colori grazie al restauro del 1975 
San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo 
Tavola unica, con evidenti resecazioni ai bordi, appartenente ad una predella, come dimostrano le sagome dipinte nelle colonnine sui lati. Ampio paesaggio collinare in toni verdi sfumati, cielo azzurro cangiante. Nel mezzo un fanciullo resuscitato, due donne inginocchiate con le vesti verdi, rosse, rosa. Alle estremità due donne ammantate in violetto e rosso, a destra due giovani, uno con manto verde cupo e veste rossa; l'altro in tunica grigia e manto giallo. Nel cielo, sulle nubi, a mezzo busto è la figura di un santo francescano in tunica bigia, mantello regale verde a gigli d'oro, benedicente e con pastorale. E' identificabile in S. Ludovico di Tolosa. La cornice, databile al XVII secolo, non è pertinente; è in legno dorato, con intagli di fogliami e fasce annodate in altorilievo 
Carpi (MO) 
proprietà Ente pubblico territoriale 
San Ludovico di Tolosa resuscita un fanciullo 
tavola 
bibliografia specifica: Nannini M. C - 1953 
bibliografia specifica: Spinelli A. G - 1902 
bibliografia specifica: Bollettino Arte - 1914 
bibliografia specifica: Mostra opere - 1976 
bibliografia specifica: Museo Carpi - 1914 
bibliografia di confronto: Zeri F - 1971 
bibliografia specifica: Nannini M. C - 1952 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here