cerbiatto tra fiori (dipinto) - ambito ferrarese (sec. XV)

https://w3id.org/arco/resource/HistoricOrArtisticProperty/0800233874 an entity of type: HistoricOrArtisticProperty

dipinto cerbiatto tra fiori
cerbiatto tra fiori (dipinto) - ambito ferrarese (sec. XV) 
cerbiatto tra fiori (dipinto) - ambito ferrarese (sec. XV) 
dipinto 
Cerbiatto agile ed elegante, di color bianco e col muso rosato, in atto di correre tra gli arbusti di un prato con fiori policromi dal lungo stelo e verzura a frasche verdi. Dal fondo azzurro, ora scurito, dato a tempera traspare la preparazione rossa ad affresco. La scena è inquadrata da una finta finestra rettangolare, resa a monocromo color nocciola con tocchi di bianco, che compone un arco a tutto sesto retto da due colonnine tortili e suddiviso in regolari archetti trilobi terminanti in rosette rosse 
post 1456-post 1456 
0800233874 
dipinto 
00233874 
08 
0800233874 
L'affresco, unico resto di una decorazione più ampia, si trovava in una delle finte grandi finestre rettangolari che ingentiliscono le ampie superfici del palazzo di Galasso Pio, detto il "Torrione", precisamente sul lato sud. Altre aperture avevano forse motivi araldici, come si può rilevare dagli esigui resti rimasti in loco. Il palazzo fu eretto tra il 1443 ed il 1456 (vedi P. Guaitoli, Descrizione del castello murato di Carpi, in "Memorie storiche e documenti sulla città e antico principato di Carpi", 1877, vol. I, p. 43). Lo stile goticizzante di carattere cortese lo fa assegnare alla corrente del gotico internazionale che si esprime nella prima metà del Quattrocento in Emilia e che ha in Carpi notevoli testimonianze nelle decorazioni della chiesa della Sagra, in S. Francesco e nello stesso castello. Precisi riferimenti possono essere intravisti con la cultura ferrarese del tempo (Garuti, in Mostra opere 1976). Per le precarie condizioni conservative (la parte inferiore irrimediabilmente perduta, la superficie pittorica compromessa e polverulenta) hanno reso necessario lo strappo, che ne ha garantito la sopravvivenza (1970). Riportato su tela applicata su supporto di masonite, il dipinto è stato sottoposto a restauro (1974), intervento durante il quale non sono state effettuate integrazioni 
cerbiatto tra fiori 
Cerbiatto agile ed elegante, di color bianco e col muso rosato, in atto di correre tra gli arbusti di un prato con fiori policromi dal lungo stelo e verzura a frasche verdi. Dal fondo azzurro, ora scurito, dato a tempera traspare la preparazione rossa ad affresco. La scena è inquadrata da una finta finestra rettangolare, resa a monocromo color nocciola con tocchi di bianco, che compone un arco a tutto sesto retto da due colonnine tortili e suddiviso in regolari archetti trilobi terminanti in rosette rosse 
Carpi (MO) 
proprietà Stato 
cerbiatto tra fiori 
intonaco/ pittura a fresco/ applicazione su tela 
bibliografia specifica: Mostra opere - 1976 

data from the linked data cloud

Licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0). For exceptions see here